Coronavirus: addio ad Anna, operatrice sanitaria di 36 anni

La donna ha lottato per oltre un mese.

Anna Caracciolo, 36 anni, era un’operatrice sanitaria della residenza per anziani Villa Margherita di Modena. La donna è venuta a mancare nei giorni scorsi, stroncata dal Coronavirus.

Una lotta durata oltre un mese

Anna ha lottato con tutte le sue forze per oltre un mese contro il Covid-19. Purtroppo non ce l’ha fatta. La sua dipartita ha aumentato il grave bilancio della struttura per anziani della città emiliana. Nella residenza socio assistenziale, infatti, si contano 35 anziani contagiati e 10 operatori colpiti dal virus (dati aggiornati all’8 aprile).

La tragedia della morte di Anna – che è stata ricoverata con un quadro clinico che presentava forti fattori di rischio – ha scosso tutta la città di Modena e in particolare la sezione della Cgil della città. Anna Caracciolo, infatti, era iscritta al sindacato e rappresentante della sigla presso la casa di riposo dove lavorava.

LEGGI ANCHE: Fobia da Coronavirus: anziana cade a terra e nessuno la aiuta

Il ricovero in terapia intensiva

Come sopra specificato, Anna Caracciolo ha lottato per oltre un mese contro la patologia. La donna era stata ricoverata in terapia intensiva lo scorso 6 marzo. La giovane operatrice socio sanitaria, prima di essere colpita dal Covid-19 e di essere ricoverata, era stata promotrice e protagonista attiva di una vertenza sindacale finalizzata all’applicazione di un contratto collettivo nazionale con la garanzia di determinati diritti. Nello specifico, si parlava di pieno trattamento per la malattia.

Questa vertenza è andata avanti da dicembre 2019 a febbraio 2020 e, come ricordato dai vertici della Cgil Modena, sembra oggi lontanissima. Il sindacato ha voluto ricordare Anna con una nota ufficiale, nella quale esprime le condoglianze alla famiglia.

Nella nota, la Caraccioli viene descritta come una “donna piena di passione abnegazione per il proprio lavoro”. Gli esponenti della sigla sindacale che rappresentava l’hanno ringraziata per tutto quello che ha fatto per i suoi colleghi.

LEGGI ANCHE: Viminale invia ai prefetti una circolare: “Controlli rafforzati a Pasqua”