Coronavirus, Angelo Garattini difende i runner: “Correre fa bene al sistema immunitario”

Una voce autorevole quella di chi si scaglia contro il decreto Cura Italia.

Ragazza che corre

Sono stati criticati e giudicati degli irresponsabili, incuranti della propria salute e di quella degli altri. Ma Angelo Garattini difende i runner, una categoria ‘rimproverata’ anche da Chiara Ferragni su Instagram.

Ad andare controcorrente è uno scienziato e farmacologo di fama nazionale, presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche Mario Negri. Lo fa con prove alla mano e va contro il provvedimento del Governo Conte.

Silvio Angelo Garattini
Silvio Angelo Garattini

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Chiara Ferragni contro i runner: “Ma che problemi avete?”

Pare, infatti, che camminare e fare esercizio fisico aiuti a rinforzare il sistema immunitario, indispensabile per contrastare il contagio da Coronavirus. Oltretutto non è la prima volta che si espone per affermare questo concetto.

Lo sport non deve essere eliminato del tutto. Certo, bisogna prendere le precauzioni del caso e allenarsi in ambienti sicuri, ma vietarlo completamente «è una iattura».

«Non condivido il divieto. Dobbiamo vietare assembramenti e tenere le distanze. Fare attività motoria, camminare o correre fa bene alla salute, rinforza le difese immunitarie. Al contrario la sedentarietà non le aiuta»: ha dichiarato Angelo Garattini che difende i runner.

E ancora: «Se alcuni podisti non rispettano il divieto di assembramento puniamoli, ma non impediamo a tutti di fare un’attività sana». Ribadisce quindi la necessità di mantenere sano il proprio sistema immunitario.

Avanza allora una proposta: definire dove e quando fare jogging, non più di 30/60 minuti al giorno. I trasgressori vanno puniti attraverso la geolocalizzazione GPS, a parere dello scienziato. Ma si deve evitare a tutti i costi la sedentarietà.

«Non capisco perché i tabaccai restino aperti mentre correre o camminare sia vietato. Le sigarette non fanno bene»: conclude così, lapidario, una voce fuori dal coro ai tempi del Coronavirus. Un punto di vista sul quale riflettere. Ma il punto è: qual è la giusta via di mezzo per proteggersi dal contagio e mantenersi sani?

LEGGI ANCHE: Coronavirus, medico in pensione: “A Bergamo serve una mano”.