Coronavirus: bambina di 17 giorni guarisce senza farmaci

Xio Xio, bambina cinese di 17 giorni di Wuhan, è guarita dal Coronavirus senza bisogno di prendere alcun farmaco.

Xiao Xiao: questo è il nome di una bambina di 17 giorni che, oggi come oggi, rappresenta la paziente più giovane a essere guarita dal Coronavirus. La piccola, la cui storia è stata divulgata al mondo sulle colonne del Daily Mailè figlia di una donna cinese affetta da Covid-19.

La piccola guarita senza farmaci

La storia di Xiao Xiao ha fatto il giro del mondo anche per un altro motivo, ossia il fatto che la piccola si è ripresa dalla patologia del Coronavirus senza bisogno di terapie farmacologiche. I medici dell’ospedale principale del capoluogo della provincia cinese di Hubei, epicentro dell’epidemia, hanno diagnosticato il virus alla bimba il giorno stesso in cui è venuto al mondo.

Il primario di neonatologia dell’ospedale, il Dottor Zeng Linkong, ha dichiarato che la piccola è nata non solo con il Coronavirus, ma anche con una malformazione del miocardio. Dal momento che la piccola risultava asintomatica, i medici dell’ospedale di Wuhan hanno scelto di non sottoporla a nessuna terapia farmacologica contro il Coronavirus.

Parlando con i giornalisti del Daily Mail, il Dottor Zeng ha fatto presente che la piccola non ha palesato difficoltà respiratorie. Ha altresì specificato che non ha tossito e non ha avuto la febbre. Alla luce di ciò, il personale dell’ospedale ha deciso di trattarla solamente con farmaci per il problema al miocardio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, primo caso positivo in Liguria: è una donna di 72 anni

Il ritorno a casa

Il 21 febbraio, dopo tre test negativi, la piccola è stata mandata a casa. Il Dottor Zeng ha assicurato che la piccola si è completamente ripresa e che durante la permanenza in ospedale è cresciuta e ha acquisito peso.

Zeng, sempre nel corso dell’intervista al Daily Mail, ha specificato che essendo il Coronavirus qualcosa di nuovo per la scienza, non sono molto chiari i motivi per cui colpisce poco i bambini e, in generale, le persone di giovane età (i pazienti under 30 sono pochissimi).

LEGGI ANCHE: Coronavirus: altre 3 vittime in Italia, tutte in Lombardia