Coronavirus: Barbara Palombelli risponde alle polemiche

La consorte di Rutelli ha detto la sua su Facebook.

Barbara Palombelli è al centro di un’aspra polemica legata a una frase pronunciata nel corso di una puntata di Stasera Italia, il talk show di argomento sociale e politico che conduce tutte le sere. Ripercorriamo un attimo la vicenda cercando di capire da dove è partito tutto.

La moglie di Francesco Rutelli, nel corso di un collegamento con il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, ha commentato con questa frase la situazione tragica che sta vivendo la città per quanto riguarda i morti per Coronavirus.

«Il 90% dei morti è nelle regioni del Nord. Cosa può esserci di diverso? Persone più ligie, che vanno tutte a lavorare?».

Questa uscita ha causato una pioggia di critiche e, in alcuni casi, anche degli insulti con la richiesta di sanzioni da parte dell’Ordine dei Giornalisti. La consorte dell’ex sindaco di Roma, al timone anche di Forum (uno dei programmi sospesi dal biscione per lasciare più spazio alle informazioni sul Coronavirus), dopo qualche giorno ha detto la sua su Facebook.

La risposta di Barbara Palombelli

Come poco fa accennato, la Palombelli ha commentato le polemiche sulla frase da lei pronunciata a Stasera Italia con un post su Facebook. Ecco il contenuto appena citato:

La libertà di opinione è sacra. La diffamazione via web è un reato.tutti i post e gli autori contenenti ingiurie,…

Pubblicato da Barbara Palombelli su Domenica 22 marzo 2020

LEGGI ANCHE: Calzedonia contro il Coronavirus: produce mascherine e camici

La richiesta del Codacons

Come poco fa ricordato, le critiche alle affermazioni di Barbara Palombelli sono arrivate da più parti. A seguito della puntata di Stasera Italia andata in onda il 21 marzo 2020, a insorgere è stato anche il Codacons.

Dal Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e la Tutela dei Diritti di Utenti e Consumatori è arrivata la richiesta di un intervento da parte del Garante delle Comunicazioni, con lo scopo di porre un freno a quella che, sul sito del Codacons, è stata definito una forma di razzismo strisciante.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’esercito spagnolo trova morti nelle case di riposo