Coronavirus: BergaMask, la maschera intelligente progettata a Bergamo

Il prodotto, caratterizzato dalla presenza di filtri monouso, costa 10 euro.

Il territorio di Bergamo è stato tra i più martoriati d’Italia dal Coronavirus, ma non si è arreso. A dimostrazione di ciò è possibile citare il gioco di squadra di 5 aziende, che si sono impegnate per dare vita a BergaMask, maschera con filtri monouso.

LEGGI ANCHE: Covid-19: negli USA è picco di casi e morti ma si torna in spiaggia

BergaMask: già donate 10.000 unità tra Bergamo e Brescia

BergaMask, come già ricordato, è frutto di un lavoro di squadra tra 5 aziende della provincia di Bergamo, territorio ferito ma che non abbassa la testa. Tra le realtà sopra ricordate troviamo Stil Gomma srl, l’azienda che si è occupata della produzione di questa maschera realizzata in silicone medicale, antibatterico e autosterilizzante.

Come sopra accennato, si tratta di un prodotto caratterizzato dalla presenza di filtri monouso che si possono cambiare. La Stil Gomma srl, situata a Castelli Calepio, in collaborazione con quattro dei suoi fornitori, si è messa all’opera per fare qualcosa di importante in questo periodo di emergenza tragica.

Il progetto che ha portato alla realizzazione di BergaMask è partito con l’idea di far fronte alla problematica della fornitura di mascherine. BergaMask, infatti, è una maschera permanente. Dotata di certificazione CE 2001/95, ha tra i notevoli vantaggi il costo contenuto.

LEGGI ANCHE: Bonus da 600 euro: mancano le coperture e in 40.000 restano senza

Come evidenziato dall’operation manager di Stil Gomma srl, il prodotto viene venduto a 10 euro con la dotazione di 30 filtri monouso. Per i ricambi, si può fare riferimento a confezioni di 30 pezzi che costano 5 euro.

Questo costo contenuto non è assolutamente segno di bassa qualità. Come specificato dai rappresentanti delle aziende, si tratta di un prodotto intelligente che si contraddistingue per un montaggio estremamente intuitivo.

Inoltre il materiale principale con cui è realizzato, ossia il silicone medicale, era già in house, motivo per cui l’azienda produttrice non ha dovuto sostenere particolari costi. Per ora, tra gli acquirenti figurano soprattutto aziende, ma si progetta, a breve, una commercializzazione più capillare.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, partorisce mentre è in coma: “Sono un miracolo vivente”.