Coronavirus, Bruno Vespa contro i parlamentari (VIDEO)

Il conduttore si è detto fermamente contrario all’apertura del Parlamento solo una volta a settimana.

Bruno Vespa ha detto la sua sulla questione della chiusura del Parlamento per la maggior parte della settimana, definendo la Camera dei Deputati e il Senato “l’ospedale d’Italia”.

Le accuse in un video

In un video pubblicato sulla pagina di Matteo Salvini – anche lui durissimo contro la chiusura del Parlamento – il conduttore di Porta a Porta non le manda certo a dire.

Bravo Bruno Vespa, sono d’accordo!Medici, infermieri, cassiere, autisti, poliziotti, benzinai, imprenditori, commercianti, operai e tantissimi altri Italiani sono al lavoro: #apriteilparlamento

Pubblicato da Matteo Salvini su Venerdì 20 marzo 2020

LEGGI ANCHE: Conad contro il Coronavirus: 3 milioni di euro alla ricerca contro il Covid-19

Il celebre conduttore ha specificato che, per mandare in onda Porta a Porta e tutte le altre trasmissioni RAI proposte dal palinsesto in questo momento, centinaia di giornalisti, di tecnici e di registi lavorano giorno e notti con la mascherina e i guanti, rispettando le distanze di sicurezza ma andando avanti.

“Questo succede in centinaia di migliaia di uffici e di fabbriche in tutta Italia. Perché allora – chiede Vespa – il Parlamento deve lavorare soltanto una volta a settimana?”: queste le parole dello storico padrone di casa di Porta a Porta, che ha sottolineato come il lavoro stia andando avanti in centinaia di migliaia di uffici.

Il celebre conduttore RAI ha altresì definito l’Italia, che a suo avviso stava malissimo già prima dell’inizio emergenza Coronavirus, “in terapia intensiva”. Alla luce di ciò, “i suoi medici non possono visitarla solo una volta alla settimana”. Il conduttore è stato lapidario, specificando che o il Parlamento non serve – il che a suo avviso sarebbe terribile – o serve e non va a lavorare, il che sarebbe ancora più grave.

Il commento di Matteo Salvini

Matteo Salvini, che ha condiviso sulla sua pagina Facebook il video di Bruno Vespa, ha accompagnato il post con questa caption:

Bravo Bruno Vespa, sono d’accordo!
Medici, infermieri, cassiere, autisti, poliziotti, benzinai, imprenditori, commercianti, operai e tantissimi altri Italiani sono al lavoro: #apriteilparlamento

LEGGI ANCHE: Barbecue ai tempi del Coronavirus, 1600 euro di multa in Francia