Coronavirus, due casi sospetti su nave da crociera: 6mila passeggeri bloccati

La nave è ferma al porto di Civitavecchia. Un caso sospetto anche a Bari.

Una nave della Costa Crociere è ferma al porto di Civitavecchia. A bordo ci sono due casi sospetti di Coronavirus, posti in isolamento nell’ospedale a bordo della nave.

Si tratta di una coppia di Hong Kong che hanno febbre e problemi respiratori, già raggiunti dai medici dell’ospedale Lazzaro Spallanzani per i test del caso.

Secondo quanto si è appreso dall’Ansa, gli altri passeggeri, 6mila circa, al momento non potrebbero scendere dalla nave. La coppia, salita a Savona alcuni giorni fa, era arrivata in Italia a Malpensa il 25 gennaio.

Intanto, il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso dell’informativa alla Camera, ha affermato che «il coronavirus viene gestito come se fosse un virus di classe A, la stessa del colera e della peste».

LEGGI ANCHE: Coronavirus è in Europa, primo caso di contagio in Germania.

Inoltre, «nel pomeriggio di ieri ho incontrato l’ambasciatore cinese in Italia e ho rappresentando la disponibilità a partecipare, attraverso le nostre istituzioni scientifiche, in particolare l’Istituto Superiore di Sanità, agli sforzi avviati per una rapida la realizzazione di strumenti diagnostici, terapeutici e di prevenzione vaccinale dell’infezione».

Speranza ha aggiunto che «è stato concordato con l’ambasciatore di attuare un collegamento “affinché la comunita’ cinese sia tempestivamente messa a conoscenza» di tutte le misure in atto.

In Puglia, infine, c’è un secondo caso sospetto di Coronavirus dopo quello di una cantante lirica di rientro da un tour in Cina ma poi rivelatosi infondato. Lo ha confermato il direttore del Dipartimento Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro. Si tratta di una cittadina cinese, residente in Salento, che due giorni fa è andata al pronto soccorso dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce con febbre alta e difficoltà respiratorie, riferendo di aver avuto contatti a Roma alcuni suoi connazionali proveniente dalla zona di Whuan, in Cina.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, caso sospetto a Pistoia.