Coronavirus, da Ferrara ai Lidi per un barbecue: tutti denunciati

Le Forze dell’Ordine hanno provveduto alla denuncia di 12 ragazzi.

In questi giorni di emergenza per Coronavirus, sono tantissime le persone denunciate per aver violato i decreti. In questo elenco rientrano anche 12 ragazzi, tutti maggiorenni, partiti da Ferrara per raggiungere i Lidi. La comitiva, dopo essersi fermata al supermercato per acquistare della carne, si è diretta successivamente verso i Lidi, con lo scopo di fare una grigliata presso la casa al mare di uno di loro.

Il fumo notato dai vicini

Il gruppo è riuscito anche a iniziare la grigliata. Il fumo, però, è stato notato da alcuni vicini, che hanno contattato le Forze dell’Ordine. Come riportato dal quotidiano La Nuova Ferrara, sono stati tutti denunciati per violazione dell’articolo 650 dal Codice Penale. Nella zona del ferrarese, negli ultimi giorni sono stati quasi 700 i controlli da parte della polizia e circa 40 le denunce.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Bruno Vespa contro i parlamentari

I numeri delle denunce

Come riferito dal Viminale, nella giornata del 20 marzo le forze di polizia hanno effettuato oltre 220mila controlli per appurare l’osservanza delle linee guida dei decreti. Nel corso della giornata sopra ricordata, sono state effettuate quasi 10mila denunce, un vero e proprio record dall’inizio dei controlli risalente all’11 marzo.

Per quanto riguarda invece gli esercizi commerciali controllati, si parla di circa 91mila realtà e di 104 denunce. Complessivamente, dall’11 al 20 marzo sono 1.650.644 le persone denunciate. Entrando nel dettaglio di questi numeri, ricordiamo che oltre 70mila individui si sono visti denunciare per mancato rispetto degli ordini delle autorità. Oltre 1.600, invece, sono state denunciati per aver addotto motivazioni false nell’autocertificazione.

Tra i soggetti denunciati ci sono persone fermate dalla polizia nelle situazioni più disparate. A Belvedere, in provincia di Siracusa, le Forze dell’Ordine hanno fermato dei ragazzi che stavano raggiungendo un campetto da calcio per una partita. In Abruzzo, invece, un gruppo di persone è stato denunciato mentre festeggiava la nascita di un bambino.

LEGGI ANCHE: Il Coronavirus colpisce 7 membri della stessa famiglia e ne uccide 4