Coronavirus, Daniele Rugani positivo: primo calciatore di Serie A

Isolamento anche per Juventus e Inter, sotto osservazione Spal, Brescia e Lione. Cristiano Ronaldo resta in Portogallo.

Daniele Rugani
Daniele Rugani

Daniele Rugani, difensore della Juventus è risultato positivo al Coronavirus. Ed è il primo della Serie A. Al momento è asintomatico, ma la società sta attuando tutte le procedure previste dal decreto ministeriale per limitare il contagio.

Per i calciatori della massima serie adesso cambia tutto: il Covid-19 è entrato all’interno di uno degli spogliatoi più monitorati in assoluto, sottoposto a norme all’avanguardia. C’è preoccupazione per tutta la squadra, ma anche per lo staff che gravita attorno ai giocatori. Dirigenti, magazzinieri, fisioterapisti, ragazzi delle giovanili, avversari e tutti i dipendenti sono a rischio contagio e devono sottoporsi ai controlli del caso.

Ovviamente cambierà la quotidianità di tutti e anche il calendario della Juventus, ma non solo quello. Attualmente Daniele Rugani sta bene, ma è scosso dalla notizia. La società ha messo al corrente le squadre avversarie che hanno avuto contatti con il giocatore: Brescia, Spal, Lione e Inter.

L’Inter ha fatto sapere che: «A seguito del comunicato di Juventus FC riguardo alla positività del calciatore Daniele Rugani al Covid-19, viene sospesa ogni attività agonistica sino a nuova comunicazione. Il club si sta attivando per predisporre tutte le procedure necessarie».


Cristiano Ronaldo non ha intenzione di rientrare da Madeira, dove risiede al momento per accudire la madre colpita da un ictus qualche giorno fa. Il suo permesso sarebbe dovuto durare un paio di giorni, ma pare non abbia alcuna intenzione di rientrare in Italia prima che l’emergenza Coronavirus non finisca.

La società, in tal senso, ha diramato una nota ufficiale: «Cristiano Ronaldo non si è allenato e rimane a Madeira in attesa di sviluppi legati all’emergenza sanitaria attualmente in corso». Sapere le tempistiche al momento è quindi impossibile.