Coronavirus e gruppo sanguigno: chi ha il tipo 0 è meno a rischio?

A dirlo è un recente studio scientifico ancora in fase embrionale.

Avere il gruppo sanguigno di tipo 0 riduce la probabilità di contrarre il Covid-19, la patologia causata dal SARS-CoV-2. A dirlo è un recente studio preliminare condotto dagli esperti della società di biotecnologie 23andme.

LEGGI ANCHE: Scimmie attaccano tecnico di laboratorio in India: scappano con campioni Covid-19

I dati dello studio

Lo studio sopra ricordato ha preso in considerazione i dati di 750.000 persone. Secondo questi ultimi, i soggetti con gruppo sanguigno di tipo 0 hanno tra il 9 e il 18% di probabilità in meno di contrarre il Coronavirus.

Entrando nel dettaglio ricordiamo che, nel caso delle persone con un’alta probabilità di esposizione all’agente patogeno (p.e. gli operatori sanitari e i medici), la probabilità di risultare positivi è del 13/26% più bassa in caso di gruppo sanguigno di tipo 0.

Per quanto riguarda la sensibilità di soggetti con gruppi ematici differenti, il team che ha effettuato lo studio non ha riscontrato differenza significative. Doveroso è specificare che, oggi come oggi, non è ancora chiaro se i risultati siano stati o meno sottoposti a revisione paritaria.

Lo studio è stato avviato nel mese aprile. Le persone coinvolte sono state invitate a rispondere a delle domande in merito ai sintomi, in particolare il raffreddore o altre manifestazioni simil-influenzali. Tra le domande sopra ricordate rientravano ovviamente gli interrogativi relativi alla diagnosi, così come quelli inerenti un eventuale ricovero per Covid-19.

Cosa hanno portato alla luce i risultati? Che tra i partecipanti aventi gruppo sanguigno 0, soltanto l’1,3% era risultato positivo al Covid-19. Un dato inferiore rispetto a quelli legati ai soggetti con gruppo sanguigno A (1,4% di persone positive).

Lo stesso si può dire per quel che concerne le persone con gruppo sanguigno di tipo B e di tipo AB. Concludiamo facendo presente che, sulla base di un comunicato stampa ufficiale diffuso dal board scientifico di 23andMe, lo studio si trova attualmente in fase preliminare.

LEGGI ANCHE: Coronavirus nel liquido seminale dei guariti: lo dice una ricerca