Coronavirus: ecco l’uomo che ha creato un distanziatore sociale

Le immagini che arrivano dal mercato di Testaccio hanno fatto il giro del mondo.

Il Coronavirus ha cambiato le nostre vite, imponendoci regole ferree. Tra queste è possibile citare la distanza sociale di un metro. C’è chi, in situazioni in cui è difficile rispettarla, si ingegna come può. Questo è il caso di un uomo di Roma, che ha costruito un cerchio di cartone per andare a fare la spesa al mercato di Testaccio mercoledì scorso.

Il distanziatore sociale anti-Coronavirus

Le immagini dell’uomo che ha costruito il distanziatore sociale – un cerchio di cartone di un metro – hanno fatto il giro del web. Anche il Daily Mail ha pubblicato le immagini che ritraggono l’uomo romano tra i banchi del mercato di Testaccio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus e zombieland: Wuhan è una città dal film apocalittico

In un’Italia che in poche settimane ha visto sconvolgere la propria quotidianità, ci si rende sempre più conto che la nostra ironia e la nostra inventiva riescono in qualche modo a rendere meno pesante la situazione che, ormai, stiamo vivendo da tempo.

Da quattro giorni è arrivato il lockdown totale del Paese e le strade sono oramai vuote. Si può uscire solamente per situazioni di comprovata necessità, come appunto fare la spesa. Nei supermercati si entra pochi per volta, ovviamente con il fine di mantenere la distanza sopra citata.

C’è chi, ribadiamo, affronta la situazione con il sorriso e, come dimostra l’articolo del Daily Mail, stupisce a livello internazionale. A lasciare a bocca aperta il mondo in questi giorni ci hanno pensato anche i video dell’Italia che, dai balconi di casa, canta e applaude i medici e gli infermieri (anche l’attore Chris Evans, tra i protagonisti della saga degli Avengers, ha ripostato dei video di persone che cantano dai propri balconi in Italia).

Tra speranze per l’abbassamento delle curve dei contagi e occhi puntati sulla responsabilità dei singoli, che dovrebbero uscire di casa solo per effettive necessità, questi momenti sono un modo per guardare avanti con un po’ più di speranza.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, appello per la donazione di sangue: “E’ necessario e non è rischioso”