Coronavirus, Elisa è la prima italiana a testare il vaccino

Una ricercatrice ha avuto somministrato il vaccino messo a punto da scienziati di Pomezia e Oxford.

Elisa Granato
Elisa Granato si sottopone al vaccino contro il Covid-19

Delle ricerche portate avanti attraverso la sinergia di studiosi italiani e inglesi ne abbiamo parlato nei giorni scorsi. Adesso è arrivato il momento della sperimentazione sull’uomo e la prima italiana a testare il vaccino contro il Coronavirus si chiama Elisa Granato.

È anche lei una ricercatrice e si è prestata volontariamente per vedere gli effetti della sperimentazione sull’uomo. Insieme a lei anche Edward O’Neill, il primo uomo a essere stato vaccinato contro il Covid-19.

Elisa Granato
Elisa Granato, la prima italiana a testare il vaccino anti-Covid a Oxford

LEGGI ANCHE: Vaccino contro il Coronavirus, al via i test sulle persone nel Regno Unito

La strada è ancora lunga e gli scienziati dicono che prima di fine anno non si potrà arrivare a una terapia sicura ed efficace. Questa, però, rappresenta la svolta e i risultati sinora ottenuti sono più che confortanti.

Il vaccino arriva dall’Università di Oxford, in collaborazione con i ricercatori di Pomezia che hanno lasciato agli inglesi la fase della sperimentazione sull’uomo. Si chiama Chadox1 nCoV-19 ed è stato messo a punto dal team del Jenner Institute.

Dopo due giorni dall’inoculazione del virus Elisa Granato ha scritto su Twitter un messaggio davvero positivo: «Sto benissimo finora, e il team sta facendo un lavoro fantastico nel seguirci e sostenere tutti i partecipanti».

LEGGI ANCHE: Vaccino Pomezia – Oxford contro il Coronavirus: pronto a settembre?

La prima italiana a testare il vaccino, insieme ad altri 500 volontari coinvolti nella fase di sperimentazione, è una ricercatrice di zoologia e microbiologia proprio all’Università di Oxford. Si è sottoposta al test condotto in sinergia con l’azienda Advent-Irbm di Pomezia.

Un esempio di eccellenza italiana a servizio dell’umanità. Adesso non ci resta che aspettare i risultati dello studio. Intanto Bill Gates fa sapere che è disposto a finanziare la produzione sul larga scala della terapia contro il Coronavirus.

LEGGI ANCHE: Guarita la bimba nata prematura con il coronavirus.