Coronavirus, Giuliana De Sio racconta la sua esperienza: “Forma molto grave, ho cercato di sopravvivere”

Tra le vittime della seconda pandemia del nostro secolo anche la nota attrice italiana che si confessa.

Giuliana De Sio
Giuliana De Sio, dal suo profilo Instagram

Giuliana De Sio racconta la sua esperienza contro il Coronavirus. Dopo diverse settimane dal contagio, torna a parlare di cosa abbia significato per lei convivere con una forma grave della malattia.

L’attrice salernitana, infatti, è stata fra i primi personaggi famosi a scoprire e a rivelare la propria positività al Coronavirus: «Durante il Covid ho cercato di sopravvivere, perché l’ho avuto in una forma molto grave», ha raccontato in una intervista televisiva dopo mesi di silenzio sulla vicenda.

Non si è trattata solo di una lotta a livello fisico contro un nemico invisibile e subdolo. L’attrice ha dovuto fare i conti anche con la solitudine e la quarantena forzata in terapia intensiva: «L’isolamento è una cosa che non si può immaginare. Stare chiusi a chiave dentro una stanza da solo, a combattere con un respiro che c’è e non c’è, senza che nessuno possa entrare…».

View this post on Instagram

#firenze … niente mi fermerà!!!

A post shared by Giuliana De Sio (@giulianadesiovera) on

LEGGI ANCHE: Cassandra, la lotta contro il tumore e il sogno della scuola di Amici (VIDEO)

E ancora, ha confessato: «È stata un’esperienza molto traumatica, ma ne sono uscita bene. L’ho superato molto bene grazie alla forza della mia testa. Ho avuto più paura dell’intrappolamento che di morire, anche se stavo rischiando. Ma la mia paranoia era quella di stare chiusa».

«Ero così felice di essere tornata a casa che per me il lockdown è stato un momento di libertà rispetto all’isolamento dell’ospedale. Ho vissuto l’angoscia al contrario. A casa ero felice e rilassata».

Un racconto, quello di Giuliana De Sio alle prese con il Coronavirus, che mostra l’aspetto più meschino di questa malattia (già molto dura da affrontare). Sentirsi intrappolati in un corpo che non risponde e che lotta con tutto se stesso per sconfiggere il Covid. L’isolamento e la paura di non farcela. Il timore di morire da soli, senza il conforto dei propri cari: una condizione che tanti, troppi hanno vissuto.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “Positivi al coronavirus sono portatori sani, non malati”