Coronavirus: i respiratori realizzati in Lombardia con le maschere da sub

L’idea è venuta a un ex primario lombardo.

La Lombardia piegata dal Coronavirus sta mettendo in primo piano le sue migliori energie creative e tecniche. Degna di nota a tal proposito è l’idea di utilizzare le maschere da sub per realizzare dei respiratori.

L’idea di un ex primario

L’idea di realizzare respiratori da maschere da sub è venuta a un ex primario che, per concretizzarla, si è rivolto agli ingegneri dell’azienda bresciana Issinova. Il Dottor Renato Favero – questo il nome del medico lombardo – è stato accolto con favore da Issinova.

A raccontare i dettagli in merito ci ha pensato Alessandro Romaioli, ingegnere dei materiali che, nel corso di un’intervista al Corriere della Sera, ha specificato che, a seguito di un confronto con il medico, il team ha identificato in un modello di maschera da sub venduto da Decatlhon il riferimento ideale per realizzare l’idea.

Il giovane ingegnere, sempre nel corso dell’intervista al Corsera, ha sottolineato che, dopo un primo contatto con il colosso dell’abbigliamento sportivo, è stato possibile scoprire la presenza a magazzino di decine di migliaia di pezzi.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, da domani stop agli impianti di benzina

I raccordi di collegamento e i tubi ospedalieri realizzati con la stampa 3D

A seguito di 3 ore di spiegazione da parte del Dottor Favero, gli ingegneri hanno iniziato a dare vita al progetto. I tubi ospedalieri e i raccordi di collegamento tra questi ultimi e la maschera sono stati stampati in 3D. Alessandro Romaioli ha specificato al Corriere che il team di Issinova si è impegnato al fine di realizzare un respiratore capace di adattarsi al maggior numero possibile di tubi ospedalieri.

Alcuni prototipi testati a Chiari

Alcuni dei prototipi dei respiratori realizzati con le maschere di Decathlon sono stati testati presso l’Ospedale di Chiari, uno dei principali nosocomi della provincia di Brescia. Il funzionamento è soddisfacente e, come rivelato sempre sulle colonne del quotidiano milanese, la Protezione Civile ha già proceduto ad acquistare 500 maschere da sub di Decathlon. Issinova si occuperà di fornire gratuitamente di fornire i raccordi.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, 843 guariti e 794 morti nelle ultime 24 ore