Coronavirus: il crocifisso di Don Camillo fuori dalla Chiesa di Brescello

L’idea è venuta al parroco Don Evandro Gherardi.

Il crocifisso con cui parlava Fernandel in Don Camillo è stato posizionato fuori dalla Chiesa di Brescello. L’immagine che ha fatto il giro del web è quella di un portone chiuso davanti al quale si staglia silenzioso il crocifisso diventato famoso grazie alla saga cinematografica – prima di tutto letteraria – dell’indimenticabile prelato, storico rivale del sindaco comunista del paese emiliano.

L’idea di Don Evandro Gherardi

L’idea di posizionare il crocifisso di Don Camillo davanti alla chiesa principale di Brescello è venuta a Don Evandro Gherardi, parroco della famosissima chiesa. Il prelato ha pubblicato su Facebook la foto del portone della basilica con davanti la grande croce in legno.

[wonderplugin_cond deviceinclude=”android”]

LEGGI ANCHE: Coronavirus: Caterina Balivo si promuove per lo studio vuoto

[/wonderplugin_cond]

Le foto sono state accolte da numerosi commenti positivi, molti dei quali hanno fatto riferimento alla tempra del personaggio inventato da Giovanni Guareschi, ossia Don Camillo. Il prelato ha riportato sotto la sua preghiera – con annesso invito a restare a casa – anche un passo, leggermente rivisitato, di uno dei libri della saga di Don Camillo.

«Non è la prima volta che una sciagura (il fiume, in originale) invade le nostre case, un giorno però il virus si ritirerà (le acque si ritireranno, in originale) ed il sole ritornerà a splendere. E allora con la fratellanza che ci ha unito in queste ore terribili, con la tenacia che Dio ci ha dato, ricominceremo a lottare perché il sole sia più splendente, perché i fiori siano più belli e perché la miseria sparisca dai nostri Paesi e dai nostri villaggi. Dimenticheremo le discordie e quando avremo voglia di morte cercheremo di sorridere così tutto sarà più facile e il nostro Paese diventerà un piccolo paradiso in terra. Andate fratelli, io rimango qui per salutare il primo sole che porterà, a voi lontani, con la voce delle nostre campane, il lieto annuncio del risveglio».

Le parole sono all’insegna della speranza e la foto, come tante altre immagini di questi giorni, entrerà nella storia.

[wonderplugin_cond deviceinclude=”android”]

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’annuncio di Conte: “Chiusi bar, ristoranti e negozi”

[/wonderplugin_cond]