Coronavirus, il ministro Speranza: “Misure restrittive prorogate fino al 13 aprile”

L’informativa al Senato.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, nell’informativa al Senato, ha annunciato che il Governo ha deciso «di prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate».

«I numeri ci dicono che siamo sulla strada giusta – ha aggiunto il Ministro – ma attenzione a non commettere errori adesso e a non indulgere a facili ottimismi che possono vanificare sforzi e sacrifici, non confondiamo i primi segnali positivi con cessato allarme. Finché non avremo trovato un vaccino la battaglia contro il virus non sarà vinta, intanto il nostro obiettivo è riportare il valore di trasmissione del contagio al di sotto di 1. Le misure di allentamento andranno graduate per far ripartire l’economia e la nostra libertà personale».

A proposito del vaccino, il ministro ha dichiarato: «Sarà l’arma che ci permetterà di sconfiggere definitivamente il covid-19 e in questa partita mondiale l’Italia c’è con tutta la nostra comunità scientifica, in un rapporto di piena collaborazione con le aziende farmaceutiche».

«Lo stiamo già facendo, d’intesa con Aifa, con grandissima determinazione. L’Aifa – ha spiegato Speranza – si è attivata tempestivamente su quattro livelli: promozione degli studi clinici; uso off-label dei farmaci; contrasto alle carenze di medicinali; informazione sui farmaci basata sulle migliori evidenze scientifiche disponibili».

«Avremo la massima vigilanza per evitare qualsiasi speculazione ai danni degli ammalati e faremo ogni sforzo per dare una corretta informazione ai cittadini per contrastare informazioni prive di evidenza scientifica e pericolose cure fai-da-te», ha proseguito il Ministro.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’annuncio di Brusaferro (ISS): “Siamo arrivato al picco”.

Speranza ha poi affermato: «È stata ed è ancora durissima. Stiamo affrontando sfide inedite difficilissime. Il nostro Servizio sanitario nazionale è stato messo a dura prova. La risposta c’è stata ed è tuttora in corso».

Il ministro ha anche detto: «In Europa e nel mondo è in corso una terribile tempesta. Il numero dei contagiati da questo virus corre velocemente verso il milione di casi. L’economia frena, mentre le nostre città sono quasi ferme. Sembrava impossibile, eppure in poche settimane sono radicalmente cambiate le nostre abitudini consolidati stili di vita. Credo che ciascuno di noi non dimenticherà mai queste giornate».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, bambina di 17 giorni guarisce senza farmaci.