Coronavirus, il monito del Commissario dell’Emilia Romagna: “Basta passeggiate”

Il Commissario per l’emergenza Coronavirus in Emilia Romagna ha puntato il dito contro chi esce senza necessità.

«Se serve impediremo anche le passeggiate»: queste le parole di Sergio Venturi, Commissario dell’Emilia Romagna per l’emergenza Coronavirus. Nel corso della diretta Facebook del 16 marzo 2020 – questo spazio social è ormai un appuntamento quotidiano per gli abitanti della Regione che vogliono rimanere aggiornati sulla situazione della pandemia – ha lanciato un monito molto chiaro a chi esce di casa senza comprovate necessità.

Il paragone con De Luca

Sono molte le persone che hanno paragonato l’approccio di Venturi alla questione delle passeggiate e del running a quello di De Luca. Il Commissario dell’Emilia Romagna per l’emergenza Coronavirus ha però affermato di non avere il medesimo umorismo del Presidente della Regione Campania che, a seguito di un intervento sui motivi per cui è importante non prendere sottogamba le regole di contenimento, è diventato una vera e propria star del web.

Venturi ha affermato di avere intenzione di dire le cose con più fermezza, anche in virtù del fatto che la situazione dei contagi e dei decessi è molto diversa in Emilia Romagna (il virus nelle Regioni del Sud sta facendo numeri notevolmente inferiori rispetto a quelli di Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna).

Non le manda certo a dire Sergio Venturi, che nella sua diretta sottolinea i rischi che corre il Servizio Sanitario, invitando la popolazione a pensare a chi è in prima lina 24 ore su 24 e, in alcuni casi, purtroppo non riesce a scampare al contagio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: morti due dipendenti delle Poste di Bergamo

«Non fate più passeggiate che qualcuno direbbe di cazzeggio, non è più il tempo. Ci stiamo giocando il futuro della salute in questo Paese»: Sergio Venturi, citando anche recenti denunce che hanno coinvolto alcuni cittadini reggiani che si sono assembrati per un party e facendo riferimento al valore del Servizio Sanitario Nazionale, è a dir poco chiaro e non certo reticente per quanto riguarda i problemi a cui si può andare incontro non seguendo le linee guida per il contenimento.

LEGGI ANCHE: Lady Gaga sul Coronavirus: “Ho parlato con Dio, ce la faremo”