Coronavirus, il pastificio Rana ha aumentato lo stipendio ai suoi dipendenti

La retribuzione aumenta del 25% per i 700 dipendenti dell’azienda, ticket da 440 euro per babysitter e assicurazione in caso si contragga il Covid-19.

Giovanni Rana
Giovanni Rana

Non è la prima volta che si parla di incentivi al personale, ma Giovanni Rana contro il Coronavirus fa di più. Il suo è un atto di responsabilità civile verso i propri dipendenti. Gli stessi che non si stanno fermando nemmeno con una pandemia in atto.

Il presidente dell’omonimo pastificio veronese, specializzato nella pasta fresca e ormai guidato dal figlio Gian Luca, fa la sua parte per aiutare il Paese in un momento a dir poco delicato.

In qualità di amministratore delegato, Gian Luca Rana ha dato il buon esempio e ha disposto un piano straordinario di aumenti salariali per un totale di due milioni di euro. Il suo è un modo per ringraziare i 700 dipendenti presenti nei cinque stabilimenti sparsi per l’Italia.

Gian Luca Rana
Gian Luca Rana

LEGGI ANCHE: Coronavirus, rinuncia al respiratore per aiutare un paziente più giovane: muore sacerdote

Un ringraziamento sentito dal profondo del cuore, ma concreto, nei confronti di chi sta garantendo la continuità negli approvvigionamenti alimentari in piena emergenza da Coronavirus. L’azienda veronese fa sapere che, fra le misure previste, vi è una maggiorazione dello stipendio pari al 25% per ogni giorno lavorato, e un ticket mensile straordinario di 400 euro per le spese di babysitting.

Il piano, che è retroattivo e decorre dal 9 marzo, coprirà anche tutto il mese di aprile. Giovanni Rana contro il Coronavirus ha deciso di stipulare una polizza assicurativa per proteggere tutti i suoi dipendenti da un eventuale contagio dovuto al Covid-19. La misura di prevenzione vale anche per chi lavora da casa, in smart working.

Test coronavirus positivo

LEGGI ANCHE: Ingerisce la clorochina per prevenire il Coronavirus: muore in Arizona

Inoltre, verranno integrate e rinforzate le procedure di sicurezza già messe in atto dall’azienda leader nella produzione di pasta fresca e sughi pronti. Un piano non solo economico, volto a salvaguardare la salute di chi si sta sacrificando per non fermare il motore produttivo del Paese. Quel motore che porta nelle case degli italiani beni di prima necessità.

«Il Pastificio Rana vuole essere al fianco dei dipendenti e di sostegno alle loro famiglie in un momento di forte disorientamento, non solo lavorativo»: recita così la nota ufficiale diramata dall’azienda veronese.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nel Regno Unito si inviano SMS ai cittadini britannici.