Coronavirus, il sindaco – medico: “Ho curato i miei pazienti con il Plaquenil”

Il primo cittadino del Comune veneto, che è anche medico, ha espresso perplessità sull’allarme sanitario.

Riccardo Szumski, sindaco di Santa Lucia di Piave (Comune in Provincia di Treviso) e medico, è al centro dell’attenzione mediatica per via di alcune dichiarazioni rilasciate alla testata Treviso Today.

I miei malati guariti con Plaquenil e cortisone

Szumski, come poco fa ricordato, oltre ad essere il primo cittadino del Comune veneto, è anche un medico. Di origine argentine, il dottore ha circa 2mila assistiti. Alla testata online sopra ricordata, ha riferito che, tra i suoi pazienti, solo uno è stato ricoverato per Coronavirus e, durante la degenza in ospedale, non è stato sottoposto a ventilazione assistita o al ricovero in terapia intensiva.

A detta del dottore e primo cittadino, è importantissimo curare i pazienti a casa. «Il virus non è cattivissimo ma innesca una risposta infiammatoria che porta sì alla polmonite ma soprattutto alle tromboembolie»: queste le prole di Szumski, che ha fatto presente di aver utilizzato, per trattare i pazienti di cui si occupa, il farmaco Plaquenil, il cortisone e l’Azitromicina. Il medico ha fatto presente che il secondo in particolare è molto efficace in caso di infiammazione.

LEGGI ANCHE: Reddito di emergenza, la ministra: “Sarà di 400/800 euro”

Nel corso delle dichiarazioni rilasciate a Treviso Today, ha specificato che i pazienti a suo carico che hanno riportato la positività al Coronavirus sono stati curati a casa. Complessivamente, circa dieci persone hanno avuto una reazione grave e, ribadiamo, solo uno è stato ricoverato in ospedale.

Il medico ha altresì sottolineato che tra i suoi pazienti ci sono numerosi anziani da lui visitati periodicamente, nessuno dei quali si è ammalato. Concludiamo facendo riferimento al punto di vista del sindaco del Comune veneto, secondo il quale l’allarme è stato cavalcato per fare “un colpo di Stato con motivazione sanitaria”.

Szumski, che ha sollevato dubbi sull’attendibilità dei tamponi, ha sottolineato che, a suo avviso, ci vogliono altri pareri oltre a quelli dei virologi e ha prospettato un disastro economico che «si farà sempre più evidente».

LEGGI ANCHE: Va dal padre che sta morendo: i carabinieri lo multano