Coronavirus in Cina: nuovo casi e crescita degli asintomatici

Le autorità sanitarie cinesi hanno registrato 36 nuovi casi di Covid-19.

Come stanno andando i numeri del Coronavirus in Cina? Nelle scorse ore, dal Paese orientale sono arrivate novità importanti in merito ai numeri del Covid-19. Fondamentale è ricordare innanzitutto che, nelle scorse settimane, le notizie che arrivavano dalla Cina e in particolare da Wuhan avevano fatto tirare un sospiro di sollievo a tantissime persone.

La situazione, però, sembra essere cambiata. Come riportato sulle colonne del quotidiano La Stampa, la Cina ha registrato 36 nuovi contagi. A tal proposito, è bene ricordare che 35 di questi sono importati. Uno, invece, è interno e provien dal Guandong.

I numeri degli asintomatici

Quando si parla della situazione del virus in Cina, è necessario ricordare che, dalla Commissione Sanitaria Nazionale del Paese, sono arrivate informazioni in merito ai numeri degli asintomatici. Gli aggiornamenti risalenti alla giornata di martedì 31 marzo 2020, parlano di 130 soggetti asintomatici totali su 1.367 pazienti tenuti sotto sorveglianza.

Per quel che concerne i morti, si parla di 7 persone. Quasi tutti i decessi, sei per la precisione, sono avvenuti nell’Hubei. Il settimo, invece, è avvenuto a Shangai. Con i dati in questioni, i casi complessivi di Covid-19 in territorio cinese sono saliti a 81.554. Per quanto riguarda i decessi, con i dati sopra ricordati è stata raggiunta la quota di 3.312. Per quel che concerne invece il numero dei dimessi, la Cina ha raggiunto le 76.238 unità. Il tasso di guarigione, invece, è pari al 93% circa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Berlusconi: “Le mascherine siano obbligatorie e servono più soldi”

I timori per la ripartenza

In virtù della situazione appena descritta, in Cina è alta la preoccupazione per la ripartenza. Interessante a tal proposito è l’intervista rilasciata alla testata Business Insider dal Dottor Ben Cowling, epidemiologo dell’Università di Hong Kong. L’esperto ha posto l’accento sul fatto che, quanto successo nei mesi scorsi a Wuhan, potrebbe accadere di volta in volta in una città differente.

A dire la propria in merito ci ha pensato anche il Dottor Zhong Nanshan, pneumologo. Il dottore, nel corso di un intervento su Cctv, ha sottolineato che non sussiste un pericolo serio di circolazione degli asintomatici in quanto, grazie al tracciamento dei contatti dei casi confermati, i soggetti in questione vengono identificati facilmente.

LEGGI ANCHE: Bonus 600 euro, il sito Inps è ko. Tridico: “Non c’è fretta”