Coronavirus in Corea del Sud: riattivato in 91 pazienti

Il Coronavirus in Corea del Sud colpisce ancora, ma c’è una novità preoccupante: a risultare positivi sono stati 91 pazienti guariti in precedenza.

Il Coronavirus in Corea del Sud torna e colpisce nuovamente alcuni pazienti guariti. 91 pazienti si sono ritrovati ancora una volta positivi al Covid-19. Jeong Eun-kyeong, direttore dei Centers for Disease Control and Prevention (KCDC), ha parlato, attraverso una conferenza stampa, di «riattivazione».

Non si sa ancora che cosa abbia provocato il fenomeno, si stanno facendo indagini accurate per capire le ragioni della ricomparsa del Coronavirus in soggetti risultati negativi ai test, e quindi guariti.
I risultati sono molto importanti e si attendono a livello internazionale.

Gli scienziati sono al lavoro per comprendere la riattivazione del virus

LEGGI ANCHE: Coronavirus, le parole scioccanti del presentatore tv olandese: “Inutile salvare anziani obesi e fumatori”

Un’epidemia di ritorno, infatti, è la più grande paura dopo la pandemia stessa. Ed è il motivo per cui il Governo Conte non ha intenzione, almeno per il momento, di revocare le restrizioni volte al contenimento della diffusione del virus.

Persino la Nuova Zelanda, che pare avere quasi sconfitto il Covid-19 in sole due settimane e che ha registrato il più basso tasso di mortalità mondiale, non è disposta ad abbassare la guardia. Quello che è successo a Hong Kong, e adesso in Corea del Sud, è un dato che allarma e che si deve studiare e prevenire negli altri Paesi colpiti dall’emergenza sanitaria.

Test coronavirus positivo

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Nuova Zelanda è stato (quasi) sconfitto in 2 settimane

Il Coronavirus in Corea del Sud colpisce ancora, e sempre gli stessi. Nessuna garanzia, quindi, per chi ha sconfitto un nemico invisibile e subdolo: potrebbe ripresentarsi alla porta quando meno ce lo si aspetta.

«Il numero salirà, è solo l’inizio», ha dichiarato Kim Woo-joo, infettivologo al Guro Hospital e professore all’Università della Corea. Affermazioni importanti e per nulla incoraggianti arrivano dalla comunità scientifica.

Il dato riportato dalla Corea del Sud mostra un aumento, rispetto ai 51 casi di seconda infezione segnalati lunedì. Quasi 7000 sudcoreani si sono ripresi dal Covid-19, ma per nessuno di loro il pericolo è scampato. Ora è il momento di capire da cosa dipenda questa riattivazione e come fare per scongiurarla.