Coronavirus in Lombardia: pizze gratis per medici e infermieri

Un pizzaiolo di Milano, Nanni Arbellini, ha scelto di tendere una mano ai medici e agli infermieri impegnati nella gestione del Coronavirus offrendo pizze gratis.

La Lombardia è la Regione che, numeri alla mano, sta risentendo di più dell’emergenza Coronavirus. Come ben si sa, medici e infermieri sono in prima linea per quanto riguarda la gestione della grave situazione. Per loro è arrivata una mano tesa da Nanni Arbellini, titolare di alcuni locali siti nel capoluogo lombardo e nell’hinterland.

La solidarietà del ristoratore

Arbellini, pizzaiolo napoletano da anni attivo a Milano, ha pubblicato sui suoi social un post in cui mette a disposizione pizze gratis per i medici e gli infermieri che si stanno occupando di gestire, dai vari ospedali della città, l’emergenza Coronavirus.

Sulla sua pagina Facebook, Arbellini ha specificato di essere rimasto molto colpito soprattutto dal post di Maria Rita Gismondo, virologa dell’Ospedale Sacco (uno dei tre centri in Italia autorizzati all’analisi dei tamponi per il Coronavirus), che sul social sopra ricordato ha descritto una della sue serate di questi giorni, affermando di aver mangiato solo una pizza portata alle due di notte da uno specializzando.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: bambina di 17 giorni guarisce senza farmaci

Da queste righe è scattata la molla e la voglia di rendersi utile in un momento che per i ristoratori non è certo facile (i locali, in città e non solo, sono infatti vuoti). Ha così fatto un appello per la ricerca di volontari disposti a recarsi presso la sua pizzeria di Via Procaccini – ha scelto di rivelare solo l’indirizzo e non solo il nome per non mettere in secondo piano la valenza sociale dell’iniziativa – con lo scopo di portare successivamente pizze agli operatori sanitari.

La risposta è stata molto forte, soprattutto tra i parenti dei medici e degli infermieri impegnati nella gestione dell’emergenza Coronavirus. L’eco ha varcato anche i confini milanesi. Come raccontato da Arbellini al quotidiano Repubblica, il responsabile di un locale della sua catena sito a Varese ha telefonato dicendo di essere stato contattato dall’ospedale locale, con diversi operatori interessati a scoprire se l’iniziativa si limitasse o meno al territorio milanese. In pochi minuti, è iniziata la preparazione di pizze per i medici e gli infermieri della città della provincia di Varese.

LEGGI ANCHE: Amuchina gratis per i cittadini. succede in provincia di Lecce e a Genova