Coronavirus, la raccomandazione nel Regno Unito: “Non andare a casa del tuo fidanzato”

A sottolinearlo è stato il portavoce di Johnson.

Anche oltre la Manica sono state messe in primo piano regole stringenti per contenere il contagio da Coronavirus. Il portavoce di Boris Johnson ha fatto presente che la popolazione è tenuta a seguire regole precise e che ci sono solo quattro ragioni per cui uscire di casa.

Non sono contemplate eccezioni per le coppie che non vivono nella stessa casa o che hanno appena iniziato a frequentarsi. Le linee guida istituzionali in Gran Bretagna sottolineano in maniera esplicita che non è consentito stare a meno di 2 metri di distanza da persone che non fanno parte del proprio nucleo familiare.

Gli esperti della sanità britannica hanno fatto presente che i fidanzati che vivono lontani dovrebbero continuare a rimanere separati. Questa regola ha però un’eccezione: le coppie che vogliono sposarsi possono infatti iniziare a vivere a tempo pieno sotto lo stesso tetto.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Adriana Volpe lascia il GF Vip: è morto il suocero

Le parole di Jenny Harries e del portavoce di Johnson

La Dottoressa Jenny Harries, Deputy Chief Medical Officer del Regno Unito di Gran Bretagna dal giugno 2019, ha sottolineato come il principio che il Governo intende mettere in risalto riguarda l’importanza per le persone di rimanere principalmente all’interno delle proprie unità domestiche. L’esperta ha fatto presente che, in questo modo, si tengono bassi i numeri dei contagi dato che nell’ambiente familiare è impossibile non avere un alto livello di prossimità.

Il portavoce di Boris Johnson, interrogato in merito all’applicazione di questa regola per i fidanzati, ha chiarito che le regole sono precise e che, come poco fa accennato, sono contemplate solo poche eccezioni, tra le quali è possibile citare gli spostamenti dei minori di 18 anni figli di genitori separati da una casa all’altra.

Da Downing Street è arrivato un invito ai cittadini a usare il buonsenso. Tornando un attimo al caso dei fidanzati che non vivono sotto lo stesso tetto, il portavoce del Primo Ministro britannico, interrogato in merito, ha specificato che sono numerosi gli scenari che possono essere messi in primo piano e che le regole sulle occasioni in cui si puuò uscire di casa, molto poche vista la necessità di salvare vite umane, sono molto chiare.

Quando gli è stata rivolta la domanda in merito alla possibilità per i fidanzati di incontrarsi in spazi pubblici in coppia – sono proibiti gli assembramenti di più di due persone – il portavoce di Boris Johnson ha detto che i funzionari avrebbero approfondito la questione.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: il caso della residenza per anziani a Villafrati