Coronavirus, l’affondo di Fontana: “Roma non capisce, la situazione è gravissima”

Le parole del governatore della Lombardia a Repubblica.

Attilio Fontana

Attilio Fontana, governatore della Lombardia, intervistato da La Repubblica, ha affermato: «credo che ci sia una percezione sbagliatissima a Roma e non solo. Sentivo in tv un medico di Genova, faceva i discorsi di chi non ha coscienza di cosa succede, perché la situazione è oggettivamente gravissima, il virus è subdolo, scompare e ricompare e colpisce duro».

Fontana ha aggiunto: «siamo agli sgoccioli dei letti per la terapia intensiva, l’assessore mi dice che sono poche decine. Per questo noi avevamo fatto alla Protezione civile una proposta e ci avevano appoggiato. Loro avrebbero recuperato personale e ventilatori, noi i locali preparati come un reparto ospedaliero. Abbiamo già il progetto di massima al Padiglione 1 e 2 della Fiera. Ora non è colpa di nessuno e i ventilatori non si trovano e i medici mancano…».

A proposito, poi, del progetto dell’ospedale nei padiglioni di Fiera Milano, Fontana ha affermato: «Stiamo cercando di andare avanti lo stesso e ho chiamato Guido Bertolaso, l’ex capo della Protezione civile ai tempi del terremoto. Sì, c’è stata polemica in passato, ma mi fido di lui, sarà il nostro consulente e ci aiuterà con i suoi contatti in tutto il mondo a realizzare questo ospedale da campo dedicato alle terapie intensive».

LEGGI ANCHE: Coronavirus in Lombardia, 76 morti nelle ultime 24 ore.

Il governatore ha anche precisato: «Non intendo fare politica con questo evento e non intendo fare polemiche né con il governo né con la Protezione civile. Il fatto è che a dispetto di ogni difficoltà noi non vogliamo trovarci impreparati di fronte al peggio» e ha aggiunto: «L’analisi delle curve del contagio parla della necessità – e secondo me è questo il dato che fuori dalla Lombardia non percepiscono esattamente – di un grande centro di rianimazione. Il virus al 90% dei casi non è grave, ma a un 10% della popolazione causa una gravissima polmonite. Per questi malati serve un letto per la rianimazione, anche per una dozzina di giorni, e la crescita dei contagi porta all’esaurimento dei letti. Noi in due settimane ne abbiamo creati 300, e li abbiamo aggiunti ai 650 che già c’erano, puoi fare miracoli ma esistono studi seri che parlano di 4 mila persone da ricoverare in terapia intensiva in Italia a breve».

Infine, Fontana ha detto: «Noi siamo i primi a essere finiti nello tsunami, anche la signora Merkel si è detta disposta a collaborare e se lo fa le dirò grazie per tutta la vita. Insomma, il ‘modulo’ studiato da Regione e Fiera Milano può servire per tutta l’Europa e fuori dall’Italia l’hanno compreso. E se da noi passerà l’emergenza, i malati da altre regioni potranno trovare qui il posto che non hanno a casa loro».

LEGGI ANCHE: Coronavirus e influenza: quali sono le differenze?