Coronavirus, l’annuncio di Conte: “Tutta l’Italia è ora una zona protetta”

Le parole del Presidente del Consiglio dei Ministri in una conferenza stampa.

«Non ci sarà più una zona rossa, ci sarà l’Italia zona protetta. Saranno da evitare su tutto il territorio della penisola gli spostamenti a meno di comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute. Aggiungiamo un divieto degli assembramenti all’aperto e in locali all’aperto. Comprendiamo il bisogno di socialità, abbiamo visto tutti le immagini della movida ma non ci possiamo più permettere questi episodi di socialità che sono anche di contagio».

Lo ha annuniato il premier, Giuseppe Conte, a Palazzo Chigi, durante una delle conferenze stampa più drammatiche della Storia della Repubblica.

In pratica, con le nuove misure in vigore da domattina, saranno consentiti spostamenti solo per comprovati moviti di lavoro, necessità o motivi di salute, così com’era stato decretato per la Lombardia e 13 province del Nord.

Conte ha annunciato che il governo potrebbe chiedere all’Ue ulteriori margini di flessibilità sul deficit: «Abbiamo concordato una richiesta di scostamento per 7,5 miliardi, stiamo ragionando sulla possibilità di precostituirci una richiesta un po’ più elevata ma non voglio anticipare nulla il che non significa di utilizzare subito questa disponibilità».

Conte ha fatto anche altre due comunicazioni. Da un lato la sospensione di ogni competizione sportiva, calcio compreso. Dall’altro la chiusura di scuole e università fino al 3 aprile: «Per quanto riguarda la durata do un’altra notizia, siccome andiamo a estendere il regime di disciplina portiamo la sospensione delle attività didattiche fino al 3 aprile su tutta la penisola, isole comprese. Per quanto riguarda il resto ci manteniamo flessibili, per ora ci manteniamo alla durata già convenuta».

«Sugli effetti con l’estero non cambia nulla: gli spostamenti dei cittadini italiani avverranno sempre alle stese condizioni ma controlleremo gli ingressi in Italia», ha aggiunto Conte.

[wonderplugin_cond deviceinclude=”android”]

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’esperto: “Se tutti a casa per 15 giorni, l’epidemia si potrebbe fermare”

[/wonderplugin_cond]