Coronavirus: L’ospedale Spallanzani è presidiato dalle forze dell’ordine

La coppia cinese è stata posta in isolamento. L’ospedale Spallanzani di Roma è blindato

Spallanzani chiuso

Nella tarda serata del 30 gennaio 2020 è stata indetta un’urgente conferenza stampa a Palazzo Chigi durante la quale il premier Giuseppe Conte insieme al Ministro della Salute Roberto Speranza e con la partecipazione del Professor Giuseppe Ippolito, Direttore scientifico dell’Istituto nazionale per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani”, hanno confermato la presenza di due casi di contagio da coronavirus.

CONFERENZA STAMPA PALAZZO CHIGI

L’allarme è scattato dopo che due turisti cinesi sono risultati positivi ai test. I due sono ora ricoverati in isolamento presso lo Spallanzani. L’ospedale è presidiato da diverse pattuglie delle forze dell’ordine. Alcune passano circolano da via Portuense e la circonvallazione Gianicolense, altre sostano davanti i cancelli attraverso cui possono transitare soltanto i mezzi di soccorso specializzato e le autoambulanze.

spallanzani chiuso

Al momento sono state attuate le manovre di sorveglianza sanitaria a tutte le persone che possano essere venute a contatto con la coppia, in particolare gli ospiti dell’hotel Palatino, in via Cavour nel centro di Roma, dove marito e moglie alloggiavano già da otto giorni. Anche coloro che facevano parte del gruppo di viaggio, sono stati sottoposti ai controlli specifici, ma al momento nessuno di loro ha mostrato alcun sintomo riconducibile al coronavirus.

Nella capitale continuano quindi le attività di controllo della diffusione del virus. Infatti tutti coloro che presentano dei sintomi simil-influenzali vengono trasportati nelle strutture adibite alla diagnosi del virus. In via Portuense, ad esempio, nella struttura adiacente all’ospedale San Camillo-Forlanini, è stata costituita una centrale operativa per la lotta al coronavirus sul territorio italiano. Infatti da giorni ormai i cittadini cinesi residenti o di passaggio nella capitale, si recano presso questa struttura per effettuare volontariamente i controlli necessari.

spallanzani

Lo scopo del governo adesso è quello di rintracciare il maggior numero di persone con cui i due cinesi sono venuti a contatto, cercando soprattutto di ripercorrere gli spostamenti che il gruppo di turisti ha fatto nei giorni di vacanza a Roma. Questi controlli dovranno andare di pari passo con le attività delle forze dell’ordine in modo da svolgere un lavoro d’indagine preciso e meticoloso.

Bisogna comunque ricordare, come già precisato dal Direttore dello Spallanzani Professor Giuseppe Ippolito, che il contagio con il virus avviene solamente dopo uno stretto e prolungato contatto con la persona infetta, e solo dopo che la stessa ha presentato i primi sintomi.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, è sicuro andare a mangiare al ristorante cinese?