Coronavirus, medico suicida a Manhattan: tampone positivo

Si tratta del direttore sanitario del pronto soccorso.

Lorna Breen
Lorna Breen

Non si tratta del primo caso, purtroppo, il medico suicida a 49 anni e solo l’ultimo di una lista di operatori sanitari oberati di lavoro, con turni massacranti e continuamente a rischio contagio. Gli ultimi giorni in prima linea contro il Coronavirus non sono stati semplici.

Non lo sono mai, per nessuno; ma Lorna M. Breen non ha retto alla pressione e si è tolta la vita. «Ha cercato di fare il suo lavoro, e questo l’ha uccisa», ha dichiarato il padre, Philip Breen, al New York Times. La dottoressa era a capo del New York-Presbyterian Allen Hospital, nel bel mezzo della pandemia da Covid-19.

Lorna Breen e John Mondello
Lorna Breen e John Mondello

LEGGI ANCHE: Coronavirus, 40enne tenta il suicidio: “Non ho più soldi per le bollette”

Solo due giorni prima, nel Bronx è stato registrato un altro suicidio dovuto all’effetto che il Coronavirus sta avendo sulla popolazione statunitense. Si tratta di John Mondello, un giovane paramedico. Ospedali al collasso e numeri da capogiro non sono più sostenibili per gli operatori sanitari.

Lorna Breen è morta domenica a Charlottesville, il 26 aprile, in Virginia, dove viveva con la famiglia. La donna era risultata positiva al Coronavirus, lo aveva contratto durante un turno in ospedale.

Nessun disturbo mentale pregresso per il medico suicida, ‘solo’ la pressione di non riuscire a sconfiggere il nemico, quel nemico invisibile incrociato troppe volte tra le corsie del pronto soccorso. Il Covid-19, quello che è riuscito a contagiare anche lei e che non le ha permesso di continuare ad aiutare i suoi pazienti.

«Una vera eroina» per il padre e per i colleghi che, insieme a lei, sono rimasti in trincea a combattere la battaglia contro la pandemia. Una situazione che mette a dura prova non solo fisicamente, ma anche psicologicamente.

«I soggetti maggiormente a rischio sono gli operatori sanitari in prima linea, così come le persone che hanno perso i propri cari»: ha detto Debra Kaysen della Stanford University, capo della International Society for Traumatic Stress Studies della scuola.

LEGGI ANCHE: Guarita la bimba nata prematura con il coronavirus.