Coronavirus, morta una donna in Lombardia: era in attesa del test

La donna era stata ricoverata con la polmonite. Altri casi in Lombardia e Veneto.

Una donna, residente in Lombardia, ricoverata con la polmonite, potrebbe essere la seconda vittima italiana del coronavirus. Si attende la certezza quando arriveranno gli esiti del test a cui si era sottoposta nelle scorse ore.

La donna, stando a quanto appreso dall’Adnkronos, era stata ricoverata e in attesa del risultato del tampone che sarebbe arrivato dopo la sua morte.

In attesa di saperne di più, sono stabili le condizioni del cosiddetto paziente 1, il 38enne lodigiano positivo al CODIV-19 e ricoverato all’ospedale di Codogno. Per trasferire l’uomo all’ospedale Sacco di Milano, punto di riferimento per le bioemergenze al Nord, si aspetta che migliori il suo quadro clinico.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nuovi 8 casi in Lombardia e 2 in Veneto.

Riscontrato, poi, un altro caso positivo: è un residente di Sesto ed Uniti, comune di poco più di 3mila abitanti della provincia di Cremona. Si tratta del 16esimo contagiato in Lombardia.

Sono scattate immediatamente le misure di sicurezza che si stavano già predisponendo. Il sindaco Francesca Maria Viccardi, infatti, in una nota, ha diramato un’ordinanza che, «in attesa di ulteriori provvedimenti della Regione, invita in via precauzionale e provvisoria la cittadinanza intera a limitarsi di intrattenersi in luoghi di ritrovo e assembramento pubblico».

In Veneto, invece, è stato appurato un altro caso di contagio. Si tratta di un 67enne di Dolo, ricoverato in rianimazione a Padova. Il paziente, come riferito all’Ansa dal governatore Luca Zaia, è transitato dapprima al pronto soccorso di Mirano (Venezia), poi nella rianimazione di Dolo (Venezia) e, dopo il peggioramento delle condizioni, a Padova.

Ieri notte il primo decesso di coronavirus in Italia: il 77enne Adriano Trevisan di Monselice.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’uomo tornato dalla Cina aveva l’influenza.