Coronavirus, morto il giornalista Pino Scaccia: è stato inviato della Rai

Il giornalista si è spento all’ospedale San Camillo di Roma.

È morto a Roma a 74 anni il giornalista Pino Scaccia. Storico corrispondente Rai, il giornalista il cui vero nome era Giuseppe Scaccianoce, era ricoverato da settimane all’ospedale San Camillo della Capitale per coronavirus.

Inviato sui principali eventi internazionali degli ultimi 40 anni, Scaccia è stato in prima linea anche su temi italiani, dalla mafia al terrorismo.

L’Usigrai ha scritto: «È venuto a mancare Pino Scaccia, inviato sui principali eventi internazionali degli ultimi 40 anni. In prima linea anche su temi italiani, dalla mafia al terrorismo. Cronista di razza. Ha dato lustro al Tg1, alla Rai, interpretando i valori del Servizio Pubblico».

Toni Capuozzo: «Addio, Pino. Adesso i ricordi più belli fanno ancora più male. Pino Scaccia, l’inviato del Tg1 Rai, il collega e amico, l’uomo che aveva ancora tanti progetti e con cui era bello ritrovarsi da vecchi reduci non c’è più».

LEGGI ANCHE: Covid19, torna il lockdown nazionale in Francia.