Coronavirus, Niccolò sta bene e ha ordinato una pizza

Le condizioni del 17enne di Grado ricoverato all’Istituto Spallanzani di Roma.

Ci sono aggiornamenti sulle condizioni di salute di Niccolò, il 17enne che è stato rimpatriato ieri mattina, sabato 15 febbraio, da Wuhan – la città focolaio dell’epidemia di coronavirus – ricoverato all’Istituto Spallanzani di Roma.

Come riportato sul bollettino medico, infatti, il ragazzo «continua a essere in buone condizioni di salute». E ancora: «Il tampone naso-faringeo effettuato nella giornata di ieri, 15 febbraio, è risultato negativo per la ricerca del nuovo Coronavirus e di altri eventuali agenti patogeni. Il ragazzo continua a essere sereno e di ottimo umore».

Quindi, il 17enne è stato bloccato in Cina per due volte, pur non avendo contratto il Coronavirus, come confermato dalle analisi svolte nel nostro Paese.

Niccolò ha ricevuto anche una telefonata via WhatsApp dal ministro della Salute, Roberto Speranza, ricoverato nella Capitale insieme a un ricercatore in cura da alcuni giorni, affetto da Coronavirus. Speranza ha portato il saluto suo e del governo Conte e ha spiegato che entrambi i pazienti sono sereni.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, altri 70 contagiati a bordo della Diamond Princess.

Tra l’altro, sia Niccolò che il ricercatore italiano hanno espresso il desiderio di mangiare una pizza. Il 17enne, poi, in isolamento, comunica regolarmente con amici e familiari tramite lo smartphone.

Sul fronte estero, Taiwan ha annunciato la prima vittima provocata dal Coronavirus: un uomo di 61 anni che soffriva anche di diabete ed epatiti B. Così, il numero dei morti è salito a 1.670 e le persone decedute fuori dalla Cina ora sono 5: Francia, Hong Kong, Filippine, Giappone e ora Taiwan. Quasi 70mila i contagiati.

Infine, una statunitense di 83 anni, che si trova a bordo della nave da crociera MS Westerdam, approdata in Cambogia dopo il rifiuto di altri Paesi, è stata trovata positiva al test del Coronavirus. A bordo della nave ci sono oltre 2.200 persone e i primi test su una trentina di passeggeri avevano dato esito negativo.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, cosa succede al nostro corpo in caso di contagio?