Coronavirus, parla il premier Conte: “La popolazione non sia preoccupata”

Le parole del presidente del consiglio da Bruxelles sull’epidemia di coronavirus in Lombardia e Veneto.

«In questo momento non riteniamo necessario la sospensione del trattato di Schengen. Ma siamo disponibili ad adottare qualsiasi misura per tutelare la salute dei cittadini».

Così il presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte al termine del Consiglio dell’Unione Europea a Bruxelles a proposito dell’epidemia di coronavirus che sta colpendo il Lodigiano.

«Dobbiamo mantenerci flessibili per mantenere la soglia di massima precauzione», ha aggiunto il premier, facendo riferimento all’adeguatezza e alla proporzionalità come criterio per ogni misura.

Conte ha aggiunto: «Eravamo preparati a questa evenienza, avevamo predisposto un piano e lo stiamo attuando, la popolazione non deve essere preoccupata».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nuovi 8 casi in Lombardia e 2 in Veneto.

L’emergenza, però, sta riguardando anche il Veneto, dopo i due anziani contagiati dal Coronavirus. A tal proposito, il governatore Luca Zaia ha affermato: «Arriveremo all’origine, perché questi sono contagi secondari, e questo significa che c’è un contagiato primario. Cercheremo di capire in base alla catena delle relazioni cosa è accaduto, perché questi sono due cittadini che condividevano assieme la passione per le carte».

Zaia, rivolgendosi agli abitanti di Vo’ Euganeo, il comune di residenza dei due contagiati, ha chiesto «di evitare i centri di aggregazione e i luoghi affollati. Stiamo predisponendo un presidio, molto probabilmente nelle scuole visto che saranno chiuse, per tutti i cittadini di Vo’ Euganeo in modo tale da procedere e identificare eventuali altri casi positivi. Ho chiesto anche di fare un tampone a tutti i ricoverati con sintomi influenzali gravi».

Infine, Zaia ha chiesto «alla Protezione civile di allestire un primo campo base con le tende riscaldate in localita’ Schiavonia, semplicemente da un punto di vista prudenziale», aggiungendo che «ci sarà la chiusura di tutto quello che è pubblico a Vo’, quindi bar, ristoranti, scuole e tutto quello che è aggregazione. Utilizziamo misure massime per costruire un cordone sanitario sufficiente».