Coronavirus, per Renzi bisogna riaprire tutto e presto: le reazioni

L’ex Premier è stato criticato da diversi esperti e da alcuni esponenti del mondo politico.

In questi giorni, hanno scatenato un forte scalpore le dichiarazioni di Matteo Renzi. L’ex premier e oggi uomo simbolo del partito Italia Viva, intervistato da Avvenire, ha detto la sua sulla gestione dell’emergenza Coronavirus proponendo la riapertura delle fabbriche prima di Pasqua e quella delle scuole il 4 maggio.

“Con il Covid purtroppo dovremo convivere per lungo tempo e dovremo costruire un mondo in cui c’è una nuova normalità”: queste le parole dell’ex Primo Ministro che, con le dichiarazioni rilasciate ad Avvenire, ha suscitato la contrarietà di diversi esperti.

E ancora: “Riapriamo. Perché non possiamo aspettare che tutto passi. Perché se restiamo chiusi la gente morirà di fame. Perché la strada sarà una sola: convivere due anni con il coronavirus […] Serve un piano per la riapertura e serve ora. Le fabbriche devono riaprire prima di Pasqua. Poi il resto. I negozi, le scuole, le librerie, le Chiese. Serve attenzione, serve gradualità. Ma bisogna riaprire».

La riposta di Lopalco

Pierluigi Lopalco, epidemiologo di fama internazionale e coordinatore scientifico della task force che si occupa di gestire l’aspetto scientifico dell’emergenza nella Regione Puglia, ha sottolineato, come riportato sulle pagine di Repubblica, che aprire le scuole il 4 maggio sarebbe una follia.

Le critiche a Renzi – che ha ribadito il suo punto di vista anche nel corso di una diretta su Facebook e attraverso le sue e-news periodiche – non sono mancate anche dal mondo politico. Degna di nota a tal proposito è la posizione di Carlo Calenda, che ha definito il fondatore di Italia Viva «poco serio». Alti i toni sul fronte della Lega, dove si è parlato di «provocazione della disperazione». A commentare le affermazioni di Renzi ci ha pensato anche Roberto Burioni, che ha a suo modo risposto all’ex Premier tramite un post pubblicato sul suo profilo Twitter.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Meloni: “1000 euro a famiglia”. Carfagna: “780 euro agli autonomi”

Tra gli esperti che hanno criticato le affermazioni di Matteo Renzi c’è anche Fabrizio Pregliasco, che ha sottolineato il fatto che, oggi come oggi, parlare di riapertura delle scuole è prematuro. Ha altresì fatto presente che è importante pensare al futuro ma serve molta attenzione, in quanto «questo virus non ce lo toglieremo dai piedi velocemente».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il Ministro Boccia: “Le misure in scadenza il 3 aprile inevitabilmente saranno prorogate”