Il Coronavirus portato in Cina dall’esercito USA: le frasi shock di un funzionario cinese

A puntare il dito è stato Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Esteri della Cina.

Accusa pesantissima da parte del portavoce del Ministero degli Esteri della Cina: Come sottolineato dalla CNN, un funzionario cinese ha messo in primo piano una teoria secondo la quale il nuovo Coronavirus non avrebbe avuto origine da Wuhan, ma sarebbe stato portato in Cina dall’esercito USA.

Il tweet di Zhao Lijian

Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Esteri della Cina, ha pubblicato sul suo account Twitter un video di Robert Redfield, direttore dei Centri per la Prevenzione e il Controllo della Malattie USA. Nella clip, l’esperto si rivolge ai membri del Congresso degli Stati Uniti lo scorso 11 marzo, affermando che alcuni decessi per polmonite in USA erano stati successivamente identificati come casi di Covid-19.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: l’epidemia è cominciata in un laboratorio di ricerca di Wuhan?

Il funzionario del dicastero cinese ha commentato il video mettendo in primo piano una teoria della cospirazione secondo la quale il Coronavirus non avrebbe avuto origine dalla provincia di Hubei, ma sarebbe stato portato dall’esercito americano a Wuhan.

Zhao ha puntato il dito contro l’esperto USA dando spazio ad alcune domande e chiedendo per esempio quando sarebbe stato individuato il paziente zero in USA e quante persone sarebbero state infettate.

I sostenitori di questa teoria mettono in primo piano che, nel mese di ottobre 2019, centinaia di atleti delle Forze Armate statunitensi erano presenti centinaia di atleti delle Forze Armate statunitensi impegnati nei giochi del mondo militare.

Ricordiamo che il video di Redfield è stato condiviso su Twitter pure da diversi media statali cinesi. In questo novero è possibile includere l’emittente televisiva nazionale TVCC e il popolare tabloid Global Times.

Secondo Geng Shuang, il vicedirettore del dipartimento di informazione del Ministero degli Esteri della Cina, ha fatto presente che nella comunità internazionale ci sono diversi punti di vista sull’origine del virus.

Shuang, facendo presente che le domande in merito dovrebbero essere affrontate in modo scientifico e professionale, ha evitato di rispondere agli interrogativi dei giornalisti della CNN in merito alla posizione del governo cinese sulle affermazioni di Zhao.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, altre vittime negli Stati Uniti: la paura cresce