Coronavirus: quanto guadagnano i virologi quando vanno in TV?

Ad accendere il caso è stata un’inchiesta di Panorama.

In questi giorni, sta infiammando una polemica forte relativa al compenso dei virologi che, da quando è scoppiata l’emergenza Coronavirus, vengono invitati in tv per esporre il proprio punto di vista scientifico sulla patologia.

Tutto è partito da un’inchiesta del settimanale Panorama, che ha contattato l’agenzia di comunicazione bolognese che segue Roberto Burioni per chiedere il budget di un’intervista. In questo caso, è stato messo in primo piano il fatto che le richieste economiche cambiano a seconda della situazione.

Come specificato dalla società di comunicazione Elastica, Roberto Burioni può decidere di partecipare gratuitamente ma anche, nei casi in cui è impegnato, di chiedere un compenso economico per un’intervista.

Sul sito del Codacons, che ha presentato un esposto a seguito dell’inchiesta di Panorama si legge che, oltre alla cifra che in alcuni casi il virologo chiede, va considerato anche il gettone di presenza che l’esperto riceve dalla società di produzione di Che Tempo che Fa.

LEGGI ANCHE: Caso Sanofi, vaccino contro il Covid-19: “Prima agli Stati Uniti”

Il compenso di Ilaria Capua

Anche i compensi richiesti dalla virologa Ilaria Capua per gli interventi in tv sono finiti sotto la lente dei giornalisti di Panorama. Pure in questo caso, i professionisti che si sono occupati dell’inchiesta hanno contattato il suo agente.

La virologa ed ex politica alla guida dell’One Health Center of Excellence all’ Università della Florida, per un contributo di 10 minuti chiede un compenso di 2mila euro più IVA. L’agente ha posto l’accento sul fatto che il compenso della scienziata non va a minutaggio. Ha inoltre sottolineato che, in caso di presenza superiore a un’ora, il cachet sale. A chiedere chiarimenti in merito a Viale Mazzini ci ha pensato anche il membro del CDA Rai Riccardo Laganà.

LEGGI ANCHE: GF Vip: quanto hanno guadagnato i concorrenti?