Coronavirus: sospesi fino al 13 aprile i distacchi di acqua, luce e gas ai soggetti morosi

Le nuove regole fissate dall’Arera.

panoramic banner. hand of young woman using calculator for calculating family budget cost bills on desk in home office, plan money cost saving, investment, business finance, expenses, income concept

Proroga fino al 13 aprile 2020 per i distacchi dell’acqua, della luce e del gas degli utenti morosi. Lo ha deciso l’Arera (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente). Questa proroga, che era già stata fissata il 10 marzo fino al 3 aprile, non riguarda solo le utenze private ma anche quelle business.

Come è chiaro, la nuova decisione è legata al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che ha previsto il prolungamento delle misure restrittive finalizzate a tenere sotto controllo il contagio da Coronavirus fino al 13 aprile.

Le altre novità

Quella appena ricordata non è l’unica novità da considerare per quanto riguarda le utenze luce, gas e acqua a carico di privati cittadini e imprese. Arera, infatti, ha previsto dei cambiamenti anche per quanto riguarda la rateizzazione degli importi delle more per gli esercenti i servizi di tutela e per tutti i gestori del servizio idrico integrato. Da non dimenticare è altresì l’introduzione di facilitazione legate all’invio della bolletta in formato elettronico.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Puglia i beneficiari rivendono i buoni spesa

Cosa sapere sulla sospensione dei distacchi delle forniture

La sospensione dei distacchi delle forniture, per quanto riguarda le utenze elettriche, coinvolge i clienti in bassa tensione. Per quel che concerne invece il gas, si parla degli utenti, sia domestici sia non domestici, con un consumo annuo non superiore ai 200.000 smc.

La sospensione dei distacchi delle forniture idriche riguarda invece tutte le utenze, sia quelle domestiche, sia quelle non domestiche. Fondamentale è ricordare che rimane in vigore l’obbligo di alimentare nuovamente le forniture sospese o limitate in parte dal 10 marzo in poi.

Come sopra ricordato, per fare fronte a problematiche come il ritardo nell’invio della bolletta cartacea, gli operatori potranno inviarla agli utenti in formato elettronico. È fatto obbligo ai fornitori di segnalare agli utenti che, ricevendo la bolletta in questo formato, hanno diritto a uno sconto sia sulla fornitura dell’elettricità, sia su quella del gas.

LEGGI ANCHE: Coronavirus in Cina: a Shenzen è vietato mangiare cani e gatti