Coronavirus, stop alle mascherine all’aperto in Lombardia

L’utilizzo del dispositivo rimane obbligatorio negli spazi chiusi e quando non è possibile mantenere la distanza sociale.

mascherina

Con la giornata di mercoledì 15 luglio, diventa effettivo un cambiamento importante per la Lombardia: da oggi, non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto. La revoca dell’utilizzo del dispositivo di protezione individuale in spazi non chiusi vale solo nei casi in cui è possibile mantenere la distanza di sicurezza di un metro.

LEGGI ANCHE: Invalido intrappolato in ascensore: muore decapitato

Le parole di Fontana

Questo cambiamento importante nella Regione che è stata al centro del dramma nel corso della fase acuta dell’emergenza è stato commentato dal Presidente della Regione Attilio Fontana. Il numero uno del Pirellone, impegnato nell’inaugurazione del MediaWorld Tech Village di Milano, si è complimentato con gli abitanti della Lombardia, invitandoli a continuare a rispettare le regole. Fontana ha altresì chiarito che questo mutamento non significa “liberi tutti”.

Fondamentale è specificare che la nuova ordinanza della Regione Lombardia rimarrà in vigore fino al 31 di questo mese. Nell’ambito del provvedimento, si specifica che è obbligatorio indossare le mascherine nei luoghi chiusi o, in mancanza del dispositivo in questione, ricorrere a qualsiasi indumento atto a coprire naso e bocca.

All’aperto, ribadiamo, l’obbligo è stata revocato: l’unica eccezione è data dall‘impossibilità di mantenere la distanza sociale tra persone tra loro non conviventi o non appartenenti al medesimo gruppo familiare.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: 11 migranti positivi su 60 sbarcati in Sicilia