Corso RSPP e ASPP: di cosa si tratta e perché sono fondamentali

I ruoli ricoperti dal RSPP e dall’ASPP in azienda sono indispensabili e le loro funzioni hanno carattere obbligatorio.

Queste due figure, infatti, formano nel loro complesso il SPP, ovvero il Servizio di Prevenzione e di Protezione dell’ente.

I loro compiti hanno come obiettivo quello di collaborare insieme al datore di lavoro per prevenire e proteggere i lavoratori dai rischi professionali.

In particolare, il corso RSPP datore di lavoro è necessario per poter assumere il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e diventare pertanto il soggetto che coordinerà l’SSP rilevando tutti i rischi connessi all’attività lavorativa, risolvendo eventuali problemi e scongiurando i pericoli.

Tale percorso formativo è obbligatorio per essere soggetto designato a RSPP aziendale.

Allo stesso modo, anche il corso ASPP è necessario e indispensabile per poter esercitare il ruolo di Addetto al Servizio Prevenzione e Protezione.

A differenza dell’RSPP, che deve essere per obbligo nominato dal datore (anche se egli stesso può diventare RSPP), l’ASPP viene scelto fra i dipendenti.

Mentre il primo deve innanzitutto rilevare quelli che sono i fattori di rischio, il secondo deve fornire supporto all’RSPP.

I Moduli A, B, C e SP dei corsi RSPP e ASPP

I corsi per diventare RSPP e ASPP seguono diversi moduli.

Il modulo A è destinato a chi intende assumere il ruolo di RSPP e ASPP acquisendo tutte le conoscenze necessarie e previste dalla normativa vigente.

È fondamentale per svolgere i ruoli sopra citati ed è preparatorio per procedere con i moduli

successivi. La durata del corso è di 28 ore.

Il modulo B, invece, ricopre in maniera generale tutti i settori produttivi e si rivolge a chi vuole approfondire gli aspetti sulla sicurezza e sui rischi connessi al luogo di lavoro. Permette di comprendere la natura dei rischi professionali e pone le basi per la prevenzione (come ad esempio l’uso dei dispositivi di protezione individuale).

Questo secondo modulo è utile per procedere con i successivi e ha una durata di 48 ore.

Il modulo C è destinato al RSPP che desidera gestire tutti i processi legati al tema sicurezza, prevenzione e protezione.

È una formazione efficace per imparare a predisporre, gestire e monitorare tutte le procedure connesse alla sicurezza e alla corretta comunicazione interaziendale in materia di prevenzione. Il corso dura 24 ore.

I moduli SP, invece, sono collegati ai codici ATECO che caratterizzano le diverse imprese.

In particolare, l’SP1 è legato al settore ATECO A, relativo alle aziende che operano nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (durata 12 ore).

L’SP2 è invece relativo ai codici ATECO B ed F, vale a dire per i settori dell’estrazione di minerali e delle costruzioni (durata 16 ore).

L’SP3 si rivolge invece agli enti con ATECO Q, legati al settore della sanità residenziale (durata 12 ore), mentre l’SP4 coinvolge le realtà con codice ATECO C, operanti nel settore chimico e petrolchimico (durata 16 ore).

Conclusioni sul Corso RSPP e ASPP

Nel complesso, quindi, il modulo A fornisce a tutti gli aspiranti RSPP e ASPP le conoscenze di base sul tema della salute e della sicurezza sul lavoro relativi al Decreto Legislativo 81/08.

Il modulo B, invece, permette di apprendere come risolvere le problematiche ed operare una corretta valutazione dei rischi mettendo in pratica soluzioni idonee a prevenire situazioni di pericolo.

Il Modulo C perfeziona quanto visto nei precedenti corsi con conoscenze specifiche e gestionali adeguate a ricoprire il ruolo di RSPP.

Con i corsi SP, infine, si specializzano le proprie competenze nel settore di appartenenza.

Fonte delle informazioni: https://www.hsformazione.it/corsi/19/corso-rspp-aspp-modulo-a-b-c-sp