Cosa fare quando i bambini vogliono regali che i genitori non possono permettersi

Natale è alle porte ed è il momento di pensare ai regali. Cosa fare, però, quando le pretese sono troppo alte?

Natale è alle porte ed è il momento di pensare ai regali, soprattutto dei più piccoli. Di certo, però, uno dei problemi più comuni dei genitori è dire ai propri figli che certi doni sono troppo costosi.

Bambini viziati: segni da tenere d’occhio

Nessuno dovrebbe volere un bambino viziato e i segnali che lo sia sono vari: non gioca bene con gli altri, frequenti capricci, non esprime gratitudine, non è generoso…

Tuttavia, vari esperti non sono d’accordo con l’aggettivo ‘viziato’. Questo è il caso di David Elkind, uno psicologo infantile, secondo cui: «i genitori che ‘viziano’, spesso con le migliori intenzioni, vogliono dare ai figli tutto senza che debbano lavorare per ottenerlo». Insomma, la colpa non è dei piccoli ma dei valori impartiti da mamma e papà.

LEGGI ANCHE: A soli 9 anni si laurea in ingegneria elettronica.

Suggerimenti per i genitori: come parlare con i bambini

La maggior parte dei genitori spesso se la prende con se stessi quando i figli chiedono dei regali (natalizi o di compleanno) che non possono permettersi. Tuttavia, ci sono dei modi con cui parlare con i bambini per essere compresi.

Beth Kobliner, sostenitrice dell’alfabetizzazione finanziaria, afferma che la chiave è essere aperti e onesti indipendentemente dalla propria situazione. Ad esempio, occorre spiegare al bambino perché quel particolare dono non sia una priorità. La dott.sssa Kobliner ha anche affermato che porre in essere conversazioni anticipate sul denaro è l’ideale per i bambini.

Un altro consiglio per genitori – da Babycenter – è che devono decidere quale sia il budget da cui attingere per acquistare i regali per i figli. Bisogna basarsi su un importo che ci si può permettere. Dopodiché si può cominciare a dire di no quando le richieste superano il budget. È necessario fare capire ai figli perché si dice di no per evitare che pensino che non ci sia un interesse alle loro richieste.

Fonte: Fabiosa.com.

LEGGI ANCHE: Poste Italiane assume portalettere: come candidarsi.