Cosa scelgono gli italiani che cenano fuori casa? Risponde FIPE

Andare a cena fuori è un vero e proprio must per gli italiani, un’abitudine che ha saputo resistere alla crisi economica e che oggi, in un clima di ripresa, trova ampie conferme.

Ovviamente, andar fuori a cena non significa esclusivamente accomodarsi ad un ristorante: tra trattorie, pizzerie, pub e quant’altro, in Italia si ha solo l’imbarazzo della scelta se si vuol mangiare fuori dalle mura domestiche.

Ma cosa amano consumare gli italiani cenano fuori? A rispondere a questa domanda ci ha pensato il Rapporto Ristorazione 2019 a cura di FIPE-Confcommercio, un report sempre attesissimo per la precisione dei suoi dati che anche quest’anno non ha tradito le attese e che può essere consultato direttamente dal sito Internet ufficiale di FIPE, a questo link.

Bevande: acqua e vino sono imprescindibili

Anzitutto, è possibile fare il punto sulle scelte degli italiani per quel che riguarda le bevande: al primo posto, come si può facilmente immaginare, c’è l’acqua, scelta nell’68,6% dei casi, subito seguita dal vino, bevanda alcolica che non ha alcun bisogno di presentazioni.

Il vino viene consumato ben nel 48% delle cene fuori casa, confermandosi così una bevanda assolutamente amata dagli italiani; non è certamente per caso, d’altronde, se il commercio del vino sta “esplodendo” anche online, soprattutto nell’ambito di e-commerce rinomati come GreenWine.

Il più amato, sottolinea il Rapporto Ristorazione 2019, è il rosso fermo, con una percentuale del 71,2%, seguono il bianco fermo con il 37,8%, il bianco mosso con il 31,5%, le “bollicine” con il 14,8% e il rosso mosso con l’11%.

A completare il quadro delle bevande troviamo le bibite gassate, scelte nel 35,2% dei casi, la birra con il 21,7%, il “mix” composto da succhi di frutta, spremute e centrifughe con il 6,1%, infine le bibite dolci non gassate con lo 0,3%.

Primi piatti, secondi piatti e dessert più amati

Entriamo ora nel “clou” del report, facendo il punto sui cibi più amati dagli italiani che cenano fuori casa.

Anzitutto, va detto che ben nel 73,6% dei casi chi cena fuori si concede un primo piatto, seguono i secondi con il 43,1%, gli antipasti con il 37,5%, la pizza con il 31,7% e ancora i dolci con il 31,6%, i contorni con il 27,7% e i panini con il 14,5%.

Tra i primi piatti, come facilmente prevedibile, “domina” la pasta in tutte le sue varianti, la quale viene scelta ben nell’85,3% dei casi, tra i secondi, invece, prevale la carne con una percentuale del 74,8%, di poco superiore al pesce, la cui percentuale risulta essere di 65,2%.

Tra i dessert vi è un protagonista assoluto, ovvero il tiramisù: questa specialità riesce a distaccare di molto gli altri dolci e stupisce il fatto che, nel mezzo di una scelta così ampia, sia riuscita a conseguire una percentuale pari a ben 35,7%.

Spunti molto preziosi per i ristoratori

Alla luce di quanto detto, dunque, è possibile tracciare un quadro della “cena tipo” degli italiani: acqua e vino al tavolo, un primo di pasta, un secondo di carne e per concludere un goloso tiramisù.

Questi dati, oltre ad essere interessanti, possono rappresentare uno spunto molto prezioso anche per i ristoratori, affinché possano orientare il loro menu tenendo in considerazione ciò che il mercato chiede.