Cos’è il twerking, portato sul palco di Sanremo da Elettra Lamborghini?

Il sensuale movimento a cui la Lamborghini ha intitolato il suo album ha origine dalle danze tradizionali della Costa d’Avorio.

elettra lamborghini twerking

Con una performance che ha deluso le aspettative di molti, Elettra Lamborghini ha fatto mercoledì sera il suo esordio sul palco dell’Ariston con la canzone Musica (E il Resto Scompare).

Fasciata in un outfit di lustrini e visibilmente emozionata (sentimento espresso anche poche ore prima dell’esibizione con un post social che lasciava poco all’immaginazione linguistica), l’ereditiera diventata famosa con reality come Riccanza, ha stupito il pubblico dell’Ariston con il twerking, il sensuale ballo “protagonista” del suo album Twerking Queen. Di cosa si tratta di preciso? Scopriamolo assieme nelle prossime righe.

LEGGI ANCHE: Michele Zarrillo: età, carriera, Sanremo 2020, Instagram

Cos’è il twerking?

Il twerking, reso famoso non certo dalla nipote di Feruccio Lamborghini ma da pop star come Miley Cyrus (diversi anni fa, una twerkata durante un concerto le è costata l’abbandono da parte di Liam Hemsworth, che sarebbe poi diventato suo marito e successivamente ex), è un ballo dalle origini molto antiche.

Secondo alcune teorie, la sua origine è legata alla tradizione della Costa d’Avorio e, in particolare, alla danza Mapouka. Oggi come oggi, diverse persone ritrovano le movenze tipiche del twerking in alcune danze tradizionali giamaicane.

Come è diventato famoso

Prima che Miley Cyrus distruggesse l’immagine innocente di Hannah Montana twerkando durante un concerto nel 2013, questo ballo era stato visto in diversi video musicali, ovviamente con protagoniste meno famose dell’ex stellina Disney.

La vera svolta è però arrivata nel 2012 quando, grazie soprattutto all’iniziativa del collettivo Ham On Everything, hanno cominciato a diffondersi sempre di più feste molto simili ai rave organizzate in capannoni abbandonati nelle periferie delle città statunitensi. In queste circostanze, le ragazze erano solite dominare il palco twerkando.

Tutto, però, sembra essere partito dalle danze africane, che con l’avvento dello schiavismo si sono poi diffuse in tutto il territorio USA. Negli anni ’90, ci ha poi pensato Dj Jubilee (al secolo Jerome Temple), rapper di New Orleans, a dare finalmente al ballo il nome che ha oggi. Lo ha fatto con il brano Do The Jubilee All, canzone uscita nel 1993.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2020, quello da sapere su Elodie.