Covid-19, boom di nuovi casi in Veneto e Alto Adige

Il presidente della Campania Vincenzo De Luca: “Prepariamoci a mesi più pesanti di inizio anno”

Photo by SJ Objio on Unsplash

Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, intervendo all’assemblea dell’associazione trasportatori Anita a Napoli, ha affermato: «Il momento difficile del covid19 non è alle spalle, è ancora davanti a noi. Prepariamoci ad avere mesi, se le tendenze in corso si confermano, ancora più pesanti di quelli da gennaio a maggio».

E, a livello nazionale, ne è prova il dato del Veneto dove continua la crescita dei nuovi casi di coronavrus. Il bollettino della Regione, infatti, conta poco meno di 600 nuovi casi nelle ultime 24 ore (595) e tre decessi. Stabilmente da giorni sopra quota 11 mila il numero degli isolamenti domiciliari (11.281). Ieri in Veneto si erano registrati 491 casi, quindi 104 in meno rispetto a oggi.

covid-19 coronavirus
Photo by CDC on Unsplash

LEGGI ANCHE: Boccia: “Chiusura tra le Regioni? Non si può escludere”

È peggiorata la situazione anche in Alto Adige. I laboratori dell’Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.530 tamponi. Sono stati registrati 85 nuovi casi positivi. Si conferma così il trend di crescita (martedì 17, mercoledì 51 e ieri 69 casi). Aumentano anche i ricoveri nei normali reparti ospedalieri da 21 mercoledì, 30 ieri e oggi 35. I pazienti di terapia intensivi salgono da uno a due. Boom anche della persone in isolamento domiciliare (2.335), delle quali 32 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta.

Nelle Marche, invece, si registra una leggera frenata dei nuovi casi. Il servizio Sanità della Regione comunica che nelle ultime 24 ore sono stati testati 2.295 tamponi: 1.188 nel percorso nuove diagnosi e 1.107 nel percorso guariti. I nuovi casi sono 49 mentre ieri erano stati 66 con 1.158 campioni esaminati. Da inizio emergenza nelle Marche si registrano 8.399 contagi su 154.836 test effettuati.

LEGGI ANCHE: Aumento dei nuovi contagi in Italia, Pregliasco: “Primo effetto delle scuole”