Covid-19, Crisanti: “Ottimista quando ho parlato di lockdown a Natale”

Le parole del microbiologo a Il Messaggro.

Andrea Crisanti, microbiologo
Andrea Crisanti, microbiologo

Andrea Crisanti, microbiologo dell’Università di Padova, intervistato da Il Messaggero, ha affermato: «Ero stato ottimista quando avevo parlato di lockdown a Natale. Magari non chiamiamolo in questo modo, però con questi numeri arriveremo a un inasprimento delle misure di contenimento molto prima»

«Abbiamo un doppio problema – ha affermato – I numeri che stanno venendo fuori sono un disastro. Dobbiamo abbassare la curva dei contagi, ma una volta ottenuto il risultato, dobbiamo essere in grado di mantenere la curva bassa. Ma è saltato completamente il sistema di tracciamento. Le misure di contenimento sono inutili senza un piano organico per dotare l’Italia di un sistema che mantenga basso il numero dei contagi. È la vera sfida», ha aggiunto.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Bassetti: “Sì al coprifuoco a Milano, Genova e Roma”

«Se invece di buttare soldi per acquistare i banchi a rotelle – ha aggiunto Crisanti – avessimo investito sul tracciamento e sulla capacità di eseguire i tamponi, oggi saremmo in una situazione differente. Non possiamo andare avanti altri sei mesi solo con le chiusure. Quest’estate – ricorda – eravamo arrivati a 300 contagi al giorno, avremmo dovuto porci il problema e organizzarci per evitare che quel dato tornasse a salire mettendo in campo un reale ed efficace sistema di tracciamento e tamponi. Invece non abbiamo fatto nulla».

«Per una volta che sono stato ottimista, sono stato smentito. Avevo previsto il lockdown a Natale, pensando che i positivi aumentassero in maniera graduale. Non mi sarei aspettato che il sistema territoriale di contrasto e tracciamento si sbriciolasse così velocemente. È evidente che un inasprimento delle misure sarà in rapido sviluppo se quelle che sono state messe in campo non funzioneranno», ha concluso Crisanti.

LEGGI ANCHE: Non credeva al Covid-19, social influencer muore a 33 anni.