Covid-19, in Sardegna ristoranti aperti fino alle 23 (e non solo)

L’ordinanza del presidente della Regione Christian Solinas.

Nuova ordinanza del presidente della regione Sardegna Christian Solinas con cui si stabilisce la riapertura dei ristoranti fino alle 23, fermo restando il divieto di assembramento e il rispetto del distanziamento. Pub, bar e circoli privati potranno rimanere aperti fino alle 21.

In relazione all’andamento degli indicatori epidemiologici valutati a seguito di tali riaperture, con successive specifiche ordinanze – d’intesa con il tavolo tecnico istituzionale composto dai rappresentanti del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore della Sanità e della Regione Sardegna – potranno essere riaperte, con le necessarie prescrizioni, le seguenti attività: Palestre, scuole di danza (senza contatto), piscine; Centri commerciali nelle giornate di sabato e domenica; Musei e luoghi della cultura nelle giornate di sabato e domenica.

Per quanto riguarda il coprifuoco il divieto di circolare e/o sostare al di fuori della propria residenza e/o domicilio sarà dalle ore 23.30 alle ore 5.00 del giorno successivo. Resta l’obbligo delle mascherine in tutto il territorio regionale. Le attività disposte dalla presente Ordinanza saranno avviate dal 16 marzo 2021 e fino al 6 aprile 2021.

La Sardegna, lo ricordiamo, è in zona bianca.

LEGGI ANCHE: Vaccino di AstraZeneca e le trombosi ‘rare’: non è così che si calma la gente.