Covid-19, morta la 21enne Martina Bonaretti a Luzzara

Le parole su Facebook dell’ex e dell’attuale sindaco del comune emiliano.

Martina Bonaretti, 21 anni, è morta di Covid-19. È successo a Luzzara, nella Bassa Reggiana, in Emilia Romagna. Giovedì scorso la ragazza era stata condotta in ospedale a Guastalla con i sintomi dell’infezione. Le condizioni sono peggiorate nei giorni successivi e ieri pomeriggio è deceduta.

L’ex sindaco di Luzzara, Andrea Costa, su Facebook e su Il Resto del Carlino, ha affermato: «Quasi sempre evito di parlare di chi ci lascia, soprattutto se appartiene alla famiglia della nostra comunità locale ma questa volta non posso evitarlo. Perché stasera si è spenta una straordinaria ragazza, che aveva solamente 21 anni e che è stata aggredita dal Covid. Martina Bonaretti la conoscevo da quando è nata, come conosco tutta la sua splendida famiglia».

Quindi, ha aggiunto Costa, «lo so che da mesi, purtroppo, sentiamo parlare di decessi, e già altre famiglie hanno dovuto piangere i loro cari. Ma questa sera à diverso. Questa sera fa più effetto perché la malattia ha spezzato una vita che stava ancora germogliando. Usiamo meno leggerezza d’ora in avanti nel parlare della malattia, e quella leggerezza invece mettiamola nei rapporti tra le persone che spesso si deteriorano per delle stupidaggini. Usiamo di più il cuore, come sapeva fare Martina, come le avevano insegnato a fare nella sua generosa famiglia a cui va il mio abbraccio più forte».

LEGGI ANCHE: Covid-19, l’immunità può durare anche mesi o anni? Lo studio.

Elisabetta Sottili, sindaco di Luzzara, ha scritto su Facebook: «Da prima cittadina sento di potervi rappresentare tutti nel trasmettere la nostra vicinanza e il nostro affetto alla sua famiglia, colpita così duramente dalla cosa più innaturale che possa esserci, un dolore inimmaginabile che sa solo chi lo ha provato. Ai parenti e agli amici, a chi la conosceva e le voleva bene. D’accordo con i genitori sarl presente al funerale con la fascia tricolore, e questo sarà il segno visibile del nostro abbraccio, di chi non potrà fisicamente partecipare (purtroppo non ci sarà posto per tutti) e del ricordo che porteremo dentro di noi di Martina».

LEGGI ANCHE: Gerry Scotti: “Ho visto 24 persone intubate”