Covid-19, niente cenoni a Natale e Capodanno, neanche in hotel… (IL DPCM)

Cosa dice il nuovo decreto varato dal Consiglio dei Ministri

Image Credit: IgorVetusko/DepositPhotos

Natale, Capodanno ed Epifania senza cenoni. Né a casa né in hotel…

La bozza del DPCM contiene la norma ormai ribattezzata ammazza-cenone. Ristoranti aperti a pranzo a Natale e a Capodanno ma la ristorazione negli alberghi la sera dell’ultimo dell’anno potrà avvenire soltanto con servizio in camera.

Così il testo: «Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle ore 18.00; il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi; dopo le ore 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati; dalle ore 18.00 del 31 dicembre 2020 e fino alle ore 7.00 del 1° gennaio 2020, la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive è consentita solo con servizio in camera».

Resta sempre consentita «la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze».

Ma ci sono alcune categorie per cui giocoforza il divieto non varrà: i viaggiatori. La bozza del dpcm spiega, infatti, che «restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali e negli aeroporti, nei porti e negli interporti con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro».

LEGGI ANCHE: DPCM Natale, cosa potremo fare durante le feste.