Covid-19, nuovi contagi colpa del salmone norvegese?

L’ipotesi è stata scartata dalle autorità di Norvegia e Cina. Ecco cos’è successo.

Il salmone norvegese importato in Cina è la causa della nuova serie di contagi a Pechino?

Tutto è cominciato dall’ipotesi che a trasmettere il nuovo coronavirus sarebbero stati i prodotti venduti nel mercato Xinfadi della megalopoli, contaminati da un tagliere usato per il salmone. Un’ipotesi che aveva portato i principali supermercati cinesi a rimuovere il pesce dagli scaffali.

Oggi, però, le autorità cinesi e norvegesi hanno concordato che il salmone norvegese non sarebbe la causa che ha provocato il nuovo focolaio di Covid-19 a Pechino. Lo ha riferito il ministro della Pesca norvegese, Odd Emil Ingebrigtsen, secondo cui ieri – martedì 16 giugno – si è svolto un incontro fra delle delegazioni cinesi e norvegesi.

Durante la riunione è stato, quindi, confermato che la causa della diffusione non sarebbe il pesce esportato dal paese scandinavo. «Siamo in grado di eliminare l’incertezza e l’interruzione delle esportazioni di salmone in Cina», ha detto Ingebrigtsen nel corso di una videoconferenza con la stampa.

LEGGI ANCHE: Covid-19 in Cina, il sindaco di Pechino: “Situazione molto grave”

Intanto, per frenare la diffusione del coronavirus, le autorità di Pechino hanno chiuso le scuole e innalzato il livello di emergenza dal secondo al terzo livello. Inoltre, il governo principale ha chiesto ai residenti di indossare mascherine in luoghi affollati e chiusi e ha imposto test a chiunque sia intenzioonato a lasciare la città. Altre città cinesi, invece, stanno imponendo la quarantena per i viaggiatori in arrivo da Pechino.

Pang Xinghuo, vicedirettrice del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie di Pechino, ha affermato: «In base alla curva epidemiologica abbiamo individuato i casi al loro stadio iniziale. Ora il trend è ancora in ascesa». «l’attuale focolaio emerso dal mercato all’ingrosso di Xinfadi, nel distretto di sudovest di Fengtai, ha provocato a Pechino 137 casi certi di Covid-19 da giovedì scorso», ha aggiunto, non escludendo l’incremento dei contagi.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Bassetti: “Non ci sarà seconda ondata come a marzo”