Covid-19, OMS: “Immunità di gregge no nel 2021”

Lo ha detto la dottoressa Soumya Swaminathan.

Nonostante i vaccini, l’immunità di gregge per il Covid-19 non sarà raggiunta nel 2021. Questa è la previsione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), emersa nel corso del  briefing sulla pandemia.

La dottoressa Soumya Swaminathan ha, pertanto, sollecitato il mantenimento del distanziamento sociale e delle mascherine. Il direttore Tedros Adhanom Ghebreyesus allo stesso tempo ha chiesto «un impegno collettivo per far sì che entro i prossimi 100 giorni le vaccinazioni per gli operatori sanitari ed i soggetti ad alto rischio siano in corso in tutti i paesi».

Pur sottolineando gli «incredibili progressi» compiuti dagli scienziati, che hanno sviluppato diversi vaccini sicuri ed efficaci contro un virus nuovo in meno di un anno, per avere risultati importanti «servirà tempo».

«Ci vuole tempo per la produzione di dosi, non solo milioni, qui stiamo parlando di miliardi» ha sottolineato, invitando le persone a «essere pazienti».

Swaminathan ha sottolineato che alla fine «i vaccini arriveranno e andranno in tutti i paesi». «Ma nel frattempo non dobbiamo dimenticare che ci sono misure sanitarie e sociali che funzionano» e che dovrebbero essere adottate «almeno per il resto dell’anno».

LEGGI ANCHE: Covid-19, trovato il paziente 1 italiano.