Covid19, buone notizie dal vaccino di Oxford: “Forte risposta immunitaria”

Il vaccino contro il coronavirus in fase di sviluppo presso l’Università di Oxford sembra funzionare bene.

Il vaccino contro il coronavirus in fase di sviluppo presso l’Università di Oxford sembra funzionare bene e avrebbe dimostrato di produrre una «forte risposta immunitaria» nei volontari. Ne dà notizia Metro.

Invece di utilizzare un ceppo indebolito, o piccole parti di esso, come i vaccini tradizionali, il laboratorio di Oxford ha diretto il corpo a produrre parte del virus stesso.

I ricercatori guidati dall’Università di Bristol hanno scoperto che il vaccino fornisce efficacemente istruzioni genetiche che dicono al corpo come produrre la proteina spike dal SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19.

Una volta che la proteina si è replicata, il sistema immunitario reagisce ad essa, allenando il corpo a riconoscere la malattia e ad essere in grado di combatterla senza che la persona si ammali.

Photo by CDC on Unsplash

LEGGI ANCHE: Volontario morto dopo il vaccino anti Covid-19, cosa cambia?

Il dottor David Matthews, della School of Cellular and Molecular Medicine (CMM) di Bristol, ha guidato la ricerca. Ha detto: «Questo è uno studio importante in quanto siamo in grado di confermare che le istruzioni genetiche alla base di questo vaccino, che viene sviluppato il più velocemente possibile in sicurezza, vengono seguite correttamente quando entrano in una cellula umana. Fino ad ora, la tecnologia non è stata in grado di fornire risposte con tale chiarezza, ma ora sappiamo che il vaccino sta facendo tutto ciò che ci aspettavamo e questa è una buona notizia nella nostra lotta contro la malattia».

Sarah Gilbert, che guida la sperimentazione sul vaccino dell’Università di Oxford, ha aggiunto: «Lo studio conferma che grandi quantità della proteina spike del coronavirus sono prodotte con grande accuratezza e questo spiega il successo del vaccino nell’indurre una forte risposta immunitaria».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, mascherine e distanziamento abbassano la carica virale.