Crolla il commercio di carne di cane in Cina: conseguenza del Coronavirus

Al via, però, il festival annuale di Yulin.

crolla il commercio di carne di cane
Uno dei cuccioli salvati dagli animalisti cinesi

Crolla il commercio della carne di cane in Cina, ma il governo cinese non ha fermato il festival annuale che ha avuto inizio domenica 21 giugno. Contestualmente alcuni attivisti sono riusciti a salvare dieci cuccioli pronti a finire sul tavolo da pranzo di qualche ristorante all’interno del mercato di Yulin.

Gli attivisti hanno filmato alcuni esemplari pronti per essere macellati e hanno inviato il video all’organizzazione mondiale per la protezione degli animali Humane Society International. Secondo le informazioni raccolte, le bancarelle sparse per la città adesso si sono concentrate in un’area periferica: al mercato di Nanchao. Secondo gli esperti si tratta di un modo per monitorare meglio la situazione.

Intanto, il ministero cinese dell’Agricoltura recentemente ha rilasciato una dichiarazione nella quale faceva presente come i cani adesso debbano essere considerati animali domestici, non bestiame. Sebbene, purtroppo, non si possa sperare in un cambiamento di mentalità repentino, crolla il commercio della carne di cane in Cina. Per almeno i prossimi cinque anni, è considerato reato.

commercio di carne di cane in cina

LEGGI ANCHE: Gatti in gabbie arrugginite salvati in extremis: pronti per essere macellati (VIDEO)

Un cambio di rotta dovuto alle circostanze nelle quali si sarebbe diffuso il Coronavirus a Wuhan. Pare infatti che il salto della specie, dal pipistrello all’uomo, si sia verificato proprio nel mercato della cittadina dove il commercio di animali domestici e selvatici era la prassi.

Una decisione quella del Governo cinese che va a combattere due piaghe contemporaneamente, una sanitaria e l’altra etica. Intanto, rimane preoccupante, e difficilmente stimabile con precisione, il commercio di gatti.

«Con i nuovi casi di Covid-19 legati a un mercato di Pechino, consentire assembramenti e il commercio di carne di cane nelle bancarelle e nei ristoranti affollati in nome di un festival rappresenta un rischio significativo per la salute pubblica»: ha affermato Peter Li, sociologo esperto in politica cinese, commentando quanto sta accadendo al festival di Yulin.

LEGGI ANCHE: Cos’è la leucemia felina?