Crostini e gorgonzola ritirati dai supermercati, ecco quali non vanno mangiati

crostini-gorgonzola

È di nuovo tempo di richiami alimentari da parte del Ministero della Salute.

Questa volta sotto la lente di ingrandimento ci sarebbero i crostini alla Toscana venduti dalla catena di produzione CONAD, ovvero uno dei discount che vendono davvero tanti tipi e generi alimentari a prezzi ridotti e per questo motivo uno dei più frequentati in Italia.

La notizia è stata pubblicata sul portale ufficiale del dicastero e alla voce relativa al motivo della segnalazione si legge “possibile presenza frammenti di corpi estranei plastici“.

Si tratta di una misura precauzionale cautelativa“. Il richiamo ha come oggetto i CROSTINI ALLA TOSCANA lotto 190123 da 220 g e con data di scadenza 06, 07, 09/02/19, prodotti dall’azienda GASTRONOMIA TOSCANA SPA nello stabilimento di VIA GORA DEL PERO 22/24 – 59100 PRATO.

La stessa azienda ha informato i propri clienti a non mangiare gli alimenti e di riportarli nel punto vendita dove sono stati acquistati per ottenere il rimborso. A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto con le caratteristiche segnalate, di non consumarlo!

Ma c’è anche un altro prodotto a cui bisogna stare molto attenti. Dopo la notifica di RASFF su segnalazione dell’Austria del 25 gennaio 2019, con notevole ritardo, il Ministero della Salute ha diffuso un’allerta di alcuni lotti di GORGONZOLA DOP dolce venduti con i marchi IGOR, IGOR BLU e NOVARI’ per la presenza di Listeria monocytogenes.

Il prodotto è distribuito in vaschette da 1,5 kg con i numeri di lotti 0073033, 0073034, 0073036 (IGOR BLU) e 0074027 (NOVARI’) in pezzi da 1,5 kg e data di scadenza 07/03/19 e lotto 00716005 in vaschette da 150 gr con data di scadenza 16.02.2019. Il Gorgonzola è stato prodotto da IGOR SRL (IT 01 124 CE) con stabilimento in via STRADA NATALE LEONARDI 32 28062 CAMERI (NO) commercializzato non solo in Italia ma anche nei Paesi UE.